HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 2/2017 marzo

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2017 marzo | pagina 21

Il prezzo lo decide l'apparecchio
Il dispositivo usato influenza il costo. Non è la stessa cosa prenotare un volo con tablet, smartphone o pc. Il margine di risparmio esiste

Il prezzo di un biglietto aereo può essere influenzato anche dal mezzo usato per prenotare.

A fine gennaio, K-Tipp ha rilevato i prezzi di due voli presso dodici portali di viaggio e otto compagnie aeree. Sono stati confrontati 40 tragitti andata e ritorno di lungo, medio e breve raggio, con partenze da Zurigo, Basilea, Ginevra e Berna. 26 in economy e 14 in business.

Per ognuno dei voli, i rilevamenti sono stati effettuati contemporaneamente con sei diversi dispositivi: un iMac, un iPhone e un iPad Apple, un notebook Hp, uno smartphone Htc e un tablet Nexus. Quando è stato possibile, le ricerche con smartphone e tablet sono state effettuate via app. Altrimenti, sul sito dei portali di viaggio o delle compagnie aeree.

I risultati del rilevamento
- Le tariffe di 15 tratte su 40 variavano a dipendenza dello strumento usato. I portali internet hanno offerto cifre diverse 13 volte, la compagnia Airberlin due.

- La differenza più grande è stata rilevata su Opodo per il Ginevra-Pechino con Air China. Prenotato con l'app, costava circa 47 franchi in più rispetto al sito (vedi tabella).

- Situazione opposta per il volo Egyptair Ginevra-Cairo di Airline direct. Sul sito costava circa 24 franchi in più che via app.

- Dei 15 casi che presentavano differenze, 10 erano più economici via app.

Le differenze hanno cause diverse. Airline direct, Edreams e Fluege, ad esempio, concedevano da 11 a 16 franchi di sconto a chi riservava via app.

Possibili supplementi per tasse
Per Opodo e Bravofly vale l'opposto. Quest'ultimo, come Expedia, non fattura le stesse tasse su tutti i canali di prenotazione. Ebookers, come Airberlin, non ha offerto ovunque le stesse varianti di pagamento, con la conseguenza di una differenza nell'ammontare delle tasse applicate.

Bravofly e Expedia sostengono che non sia possibile ricostruire precisamente i risultati del confronto casuale svolto da K-Tipp. Opodo rimanda alle differenze di valuta. Gli altri portali interrogati non hanno preso posizione.

Conclusione: chi vuole prenotare un viaggio e ha la possibilità di cercare presso portali e compagnie aeree con diversi dispositivi, via app o sito internet, dovrebbe farlo. Il potenziale di risparmio non è enorme. Ma neanche lo sforzo richiesto lo è.

Gery Schwager, K-Tipp
Michela Salvi, L'Inchiesta

Impressum Design by VirtusWeb