HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 2/2017 marzo

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2017 marzo | pagina 3

Propaganda accecante
La pubblicità sui bus oscura la vista. La Posta rassicura: le tratte turistiche non si toccano

Il catalogo è questo: vettura integrale, retro carrozzeria, tetto, porte, fiancate.

È così, con rivestimenti pubblicitari di questo tipo, che gli autopostali circolano sulle strade nazionali. Ticino compreso.

Nei prospetti dell'Autopostale, i bus vengono raffigurati senza la rivestitura pubblicitaria. In realtà vi sono veicoli completamente ricoperti da messaggi promozionali.

Massimo riserbo sugli incassi
Secondo alcuni passeggeri, la pubblicità sui finestrini offusca la vista, impedendo di godere del panorama.

Stando alle indicazioni di Autopostale, in Svizzera circolano attualmente 17 bus con réclame a tutta superficie. Altri 330 sono rivestiti solo parzialmente.

Il portavoce Urs Bloch commenta: «Sulle tratte turisticamente interessanti, i finestrini rimangono privi di pubblicità». Che invece campeggia sui mezzi in circolazione negli agglomerati urbani, destinati soprattutto ai pendolari.

Affittare superfici di questo tipo rende: «Sono benvenute le entrate supplementari generate dalla pubblicità» aggiunge Bloch, che però non vuole rendere note le cifre.

35 mila franchi annui per un bus a Lugano
Un'occhiata al listino prezzi dell'agenzia di mediazione pubblicitaria Apg Traffic, chiarisce che l' «allestimento completo» di un autopostale, per 12 mesi e nella regione di Bellinzona, costa 25 mila franchi. Nelle altre regioni del cantone, 20 mila.

Autopostale non è l'unica società ad essersi convertita alla pubblicità viaggiante. Nel tariffario, ad esempio, figurano anche Ferrovie autolinee regionali ticinesi (Fart), Autolinea mendrisiense (Amsa), Ferrovie luganesi (Flp) e Trasporti pubblici luganesi (Tpl).

In materia di copertura integrale della vettura, i mezzi della Tpl non hanno rivali a livello cantonale: per 12 mesi, la tariffa è di 35 mila franchi.

Sul proprio sito, Apg scrive che i mezzi di trasporto pubblici circolano su tutti i principali assi di transito: fermate, piazze, centri, quartieri, zone rurali, e sono visibili a tutti. I formati di advertising esterni per i mezzi di trasporto pubblici non hanno concorrenza diretta e saltano all'occhio.


Infastiditi 13 passeggeri su 20

La rivista K-Tipp ha chiesto a dei passanti di Berna di esprimere il loro parere. 13 su 20 sono infastiditi dagli spot sui finestrini. Un uomo ha detto: «Simili pubblicità danno fastidio, su determinate tratte vorrei vedere la natura». Una donna specifica: «Quando viaggio in autopostale in genere sono in montagna e se mi trovo ad ammirare una pubblicità ne sono infastidita, oltretutto sugli autopostali di solito hanno un aspetto molto antiestetico».

Un altro si è dimostrato comprensivo: «Le aziende devono pur guadagnarsi i loro soldi». Una giovane ha commentato: «Io riesco facilmente a ignorare la pubblicità sui finestrini. Quelli degli autopostali sono comunque in genere già sporchi e una pellicola a puntini non ostacola maggiormente la visuale».

Tatjana Jaun, K-Tipp
Michela Salvi, L'Inchiesta

Impressum Design by VirtusWeb