HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2017 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2017 maggio | pagina 27

Non ti pago i miei dati!
Per legge, l'invio della cartella clinica è gratuito. Ma se richiede troppo lavoro, il medico può fatturare al massimo 300 franchi

Paolo Rossi (nome fittizio) cambia medico di famiglia e chiede a quello precedente la sua cartella clinica. Il dottore invia la fattura di fr. 15.80 alla sua cassa malati (Swica). Questa la paga e poi l'addebita a Rossi.
Ma lui non è d'accordo e scrive all'assicurazione. Swica gli risponde che «la fattura per questa prestazione è corretta», perché si tratta di una «richiesta di atti» da parte del paziente.

Ma non è così. Come prevede la Legge sulla protezione dei dati(1), di regola per l'invio della cartella clinica i medici non possono emettere fattura.

Consapevole dei suoi diritti, Rossi insiste per avere il rimborso. Ma solo dopo l'intervento di un avvocato la cassa malati cambia idea.

Altro esempio. Daniele Bianchi (nome fittizio) si reca all'Inselspital di Berna per un esame. Riceve poi una fattura di fr. 100.-, di cui fr. 45.80 per «prestazione medica in assenza del paziente» (vedi riquadro).
Quattro mesi dopo il suo reclamo, l'Inselspital gli trasmette senza commenti una nuova fattura corretta senza la posizione contestata.

Interpellato da K-Tipp, l'ospedale ha comunicato che lo storno è avvenuto per andare incontro al paziente. In realtà, l'addebito era corretto.

Tutti i dati entro 30 giorni
La richiesta della cartella clinica e dei dati concernenti la salute può avvenire in qualsiasi momento. Non è necessario dare una motivazione. La consegna deve avvenire entro 30 giorni:

- Il medico deve consegnare copia di tutti i dati del paziente: anamnesi, diagnosi, risultati di laboratorio e delle radiografie, esami medici, registrazioni video e audio sui provvedimenti medici intrapresi, perizie, rapporti, certificati eccetera. Questo indipendentemente dalla persona che ha redatto la documentazione. Le radiografie sono spesso consegnate su cd.

- Per principio, l'informazione e la consegna dei dati deve essere gratuita. Inoltre, il medico non può fatturare il lavoro necessario alla preparazione della documentazione come una normale consultazione.
Eccezione: secondo l'Ordinanza relativa alla legge sulla protezione dei dati, l'informazione può costare al massimo fr. 300.- se causa «un lavoro considerevole»(2). In tal caso il medico deve comunicare in anticipo l'ammontare dei costi, affinché il paziente possa eventualmente ritrattare la richiesta entro dieci giorni.

Ernst Meierhofer, K-Tipp
Michela Salvi, L'Inchiesta

(1)tiny.cc/legge-dati (articolo 8, capoverso 5)
(2)tiny.cc/ordinanza (articolo 2)


Tarmed: più fatture senza pazienti

Per le proprie prestazioni, i medici devono attenersi al tariffario Tarmed. Nel 2016 sono stati fatturati quasi 500 milioni per il lavoro svolto in assenza del paziente.

Tarmed raccoglie oltre 4'600 prestazioni mediche e paramediche fornite negli studi medici e nel settore ospedaliero ambulatoriale(1). Per esempio, il punto tariffario 00.0010 corrisponde ai primi cinque minuti di una consultazione.

Il punto 00.0140 sta per «prestazione medica in assenza del paziente (incluso studio degli atti), ogni cinque minuti»(2). Secondo Tarmed vi rientrano «tutte le prestazioni di carattere medico che servono per curare il paziente in sua assenza (ad eccezione della consultazione telefonica)».

Si tratta, in particolare, di una «raccolta d'informazioni presso terzi, informazioni a parenti o altre persone legate al paziente, colloqui con terapisti o assistenti, l'affidamento a medici per consulti, l'allestimento di ricette o istruzioni al di fuori della consultazione, della visita a domicilio e della consultazione telefonica».

L'associazione delle casse malati Santésuisse critica fortemente questa posizione, che definisce «negozio self-service». Sotto questo punto tariffario, nel 2010 sarebbero stati fatturati 200 milioni di franchi, nel 2016 ben 454 milioni. La posizione sarebbe fatturata di frequente per le cure ambulatoriali in ospedale.

Consiglio: controllate le fatture mediche. Avete diritto a una copia, sia dal medico sia dalla cassa malati.

(1)tarmed-browser.ch
(2)tiny.cc/prestazione-assenza


tiny.cc/legge-dati
tiny.cc/ordinanza
tarmed-browser.ch

Impressum Design by VirtusWeb