HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2017 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2017 maggio | pagina 3

Cip cip tra gli scaffali
Alla Migros di Bellinzona gli uccelli volano su pane e verdura. Il negozio non rispetta la legge

A Bellinzona i clienti Migros fanno la spesa accompagnati dai cinguettii dei passeri, che volano da un reparto all'altro. Anche su pane e verdura.

Una situazione inammissibile, secondo Marco Jermini, direttore del Laboratorio cantonale. «La presenza di volatili liberi e senza controllo in un ambiente chiuso come quello di un supermercato, quindi con possibilità di contaminazione di derrate sfuse pronte al consumo, non è conforme all'ordinanza sui requisiti igienici delle derrate alimentari(1)» dice a L'Inchiesta. «In casi del genere, il supermercato deve risanare la situazione e adottare misure stabili per evitare il suo ripetersi».

Migros ammette di essere a conoscenza della situazione. «Stiamo lavorando alacremente per risolvere il problema nel minor tempo possibile e nel pieno rispetto del diritto alla vita di ogni essere vivente», afferma il portavoce Luca Corti.

La presenza di passeri nella filiale di Bellinzona non è una novità. Qualche anno fa, con la consulenza della Società protezione animali e la Società Ficedula, era stata elaborata una specifica procedura che prevedeva l'utilizzo di speciali gabbie per catturare gli uccelli (la stessa attuata oggi).

«Il problema esiste da 30 anni ed è dovuto alla struttura del negozio», spiega Emanuele Besomi, presidente della Società protezione animali di Bellinzona. «L'assenza di aperture sull'ampia cupola non permette di far volare via gli uccelli dall'alto e bisogna quindi ricorrere ad altri stratagemmi».

Non è possibile farli uscire dalle porte di ingresso? «In questo caso specifico non è una soluzione fattibile», risponde Besomi. «Bisognerebbe spegnere le luci interne la mattina presto per attirare gli uccelli verso l'esterno, aprire le porte e mantenere il silenzio per parecchio tempo».

Come si può evitare di farli entrare? «Per esempio, installando lamelle e ultrasuoni sulle porte d'ingresso. Migros l'ha fatto, ma gli animali sono furbi e si abituano in fretta alle nuove situazioni».

Antonella Sicurello

(1)tiny.cc/ordinanza-igiene (articoli 7, 8 e 15)



tiny.cc/ordinanza-igiene

Impressum Design by VirtusWeb