HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2017 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2017 maggio | pagina 10

Quando tutto diventa troppo
Tutto ha un prezzo, anche la ricchezza. Oggi la nostra vita è facilitata da una vasta scelta di cibi pronti, mezzi di trasporto ultra-rapidi, sostanze chimiche e nuove tecnologie... Il progresso!

Ma gli innegabili vantaggi dell'odierno stile di vita occidentale richiedono un tributo: la nostra salute sempre più minacciata.

Per poter vivere in maniera più comoda (anche se poi paradossalmente paghiamo per sudare in palestra!) siamo esposti quotidianamente a una miriade di sollecitazioni: veleni ambientali, tossine nel cibo e nell'acqua potabile, radiazioni e luce artificiale, uso indiscriminato di farmaci e sostanze chimiche e, dulcis in fundo, un martello pneumatico denominato stress che scandisce le nostre giornate!

Alcuni sopportano, altri si trascinano allo stremo delle forze e altri ancora schiattano (fisicamente e/o psicologicamente).

È appurato che molti disturbi cronici scaturiscono da un accumulo di tensioni. Il nostro organismo è fortunatamente dotato di un sistema di autoregolazione che funziona in modo fantastico ed è in grado di correggere le conseguenze di influenze nefaste.

Tuttavia un'esposizione prolungata a fattori di rischio può compromettere il nostro equilibrio. Ecco quindi che il corpo perde la sua capacità di autoguarigione: deperisce, si ammala fino a deteriorarsi completamente.

Certo, morire è inevitabile e siamo tutti di passaggio. Ma soffrire a causa di un sistema di vita basato su un benessere dove il troppo stroppia, mi sembra davvero inaccettabile!

E se dobbiamo basarci sul concetto di salute formulato nel 1948 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)? Direi che siamo messi tutti maluccio! Infatti la definizione del termine "salute" formulata dall'Oms più di 50 anni fa ma considerata a tutt'oggi ufficialmente valida, è la seguente:

«La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto in un'assenza di malattia o infermità».

Elena Walder

Rubrica: Nodi al pettine.


Impressum Design by VirtusWeb