HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2017 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2017 maggio | pagina 28

Posso sfrattare il mio inquilino?
Se il contratto scade e l'appartamento non è liberato, il proprietario può presentare al giudice un'istanza
di espulsione

Quando avviene lo sfratto?

Quando l'inquilino non lascia l'appartamento alla scadenza del contratto di locazione.

Se l'inquilino non paga la pigione, prima di sfrattarlo bisogna dargli la disdetta per mora con l'apposito formulario cantonale(1).

Se l'inquilino non contesta la disdetta ma non riconsegna l'oggetto locato, bisogna inviare alla pretura un'istanza di espulsione nella forma sommaria (vedi lettera modello).

Cosa succede se la disdetta è contestata?

In questo caso bisogna seguire una procedura ordinaria, rivolgendosi prima all'Ufficio di conciliazione(2). Se la disdetta sarà confermata, potrà poi essere formulata la domanda di sfratto.

In casi dubbi si possono portare avanti le due procedure in parallelo.

Il proprietario può mandare via l'inquilino senza rivolgersi al giudice?

No, non è permesso farsi giustizia da soli.

Un proprietario non può nemmeno chiamare la polizia in caso di violazione del contratto da parte dell'inquilino. Ne è competente la pretura.

Come si svolge la procedura?

Il proprietario presenta l'istanza di espulsione al tribunale del luogo in cui si trova l'appartamento.

Il giudice emette un decreto, con cui si ordina all'inquilino di liberare immediatamente l'appartamento affittato e restituirlo secondo le norme.

E se l'inquilino non rispetta il decreto del giudice?

Nella sua decisione, il tribunale ne stabilisce anche l'esecuzione.

L'autorità cantonale competente è autorizzata ad accompagnare l'inquilino fuori dall'appartamento con l'aiuto della polizia.

Gli sarà posta prima un'ultima scadenza, sotto la minaccia dell'espulsione.

Come avviene lo sfratto?

L'autorità competente, di solito l'Ufficio esecuzione e fallimenti, sgombera l'appartamento con la polizia e la ditta di traslochi.

L'inquilino non può però essere lasciato per strada: se non ha un nuovo appartamento, il comune dovrà mettergli a disposizione un alloggio. La sua mobilia sarà messa in un deposito.

Chi paga le spese dello sfratto?

Il proprietario deve anticiparle, ma può poi chiederne la restituzione all'inquilino sfrattato.

Possono insorgere altri costi a carico dell'inquilino?

Sì. Il proprietario può chiedere un risarcimento per l'uso prolungato dell'appartamento.

Potrà quindi rifarsi sull'ex-inquilino anche per l'importo che eventualmente dovrà risarcire al suo subentrante per il ritardo nella consegna dell'appartamento.

L'inquilino può opporsi a una decisione di sfratto?

Sì, con un ricorso o un appello all'istanza cantonale superiore. Ha tempo dieci giorni dalla data in cui gli è stata consegnata la decisione di sfratto.

Mirjam Bläsi, Saldo
Silvia Mossi, L'Inchiesta

(1)tiny.cc/formulario-disdetta
(2)tiny.cc/locazione-ticino

tiny.cc/formulario-disdetta
tiny.cc/locazione-ticino

Impressum Design by VirtusWeb