HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 3/2017 giugno

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2017 giugno | pagina 1

Mastichiamo un po' di calma
Da qualche tempo mi siedo a tavola con il timore di alzarmi con un senso di gonfiore e pesantezza. Per me mangiare non è più un piacere, ma un incubo! Nel vero senso della parola: la cattiva digestione compromette anche la qualità del mio sonno.

Ho cercato di venirne a una. È stata mia suocera a illuminarmi: «E se dipendesse dalla masticazione? Un amico ha risolto i problemi digestivi imparando a mangiare lentamente». Mi sono rivista mentre mastico un boccone dieci volte o poco più e termino un pasto di due portate in un quarto d'ora. Come se nutrirsi fosse per me una gran perdita di tempo.

Nulla di più sbagliato. Chi mangia velocemente fa più danni di quanto possa immaginare. Primo, ingoia molta aria, e da qui il senso di gonfiore. Secondo, rende difficile il lavoro dello stomaco: meno i cibi rimangono in bocca, meno sono attaccati dagli enzimi salivari coinvolti nel processo digestivo.

La fretta a tavola ha un terzo risvolto negativo: fa ingrassare. I primi segnali di sazietà arrivano al cervello dopo circa 20 minuti. Se si mangia alla Speedy Gonzales, si rischia di assumere più cibo di quanto serva realmente all'organismo.

Secondo alcune ricerche condotte dall'Università di Rhode Island, negli Stati Uniti, mangiare lentamente riduce l'assunzione di calorie. E la velocità con cui lo si fa influenza l'indice di massa corporea(1) .

Anche in Cina i ricercatori della Harbin Medical University hanno voluto capire se ci fosse una correlazione tra peso e masticazione. Hanno chiesto a 30 persone, 16 magre e 14 obese, di consumare un pasto in due momenti diversi: dapprima masticando ogni boccone 15 volte, poi 40.

Masticando più a lungo, sia i magri sia i grassi hanno ingerito il 12% in meno di calorie. Inoltre, l'ormone dell'appetito, la grelina, è diminuito a fine pasto. La colecistochinina, che stimola la sazietà, è invece aumentata. Conclusione: una maggiore attività masticatoria può aiutare a combattere l'obesità.

Abbiamo dunque validi motivi per portare a tavola un bel piatto di... calma (io ci sto provando e i risultati si vedono). Servitelo con questo proverbio latino: «Prima digestio fit in ore», la prima digestione avviene in bocca.

Antonella Sicurello

(1)tiny.cc/melanson
(2)tiny.cc/studio-cinese
tiny.cc/melanson
tiny.cc/studio-cinese

Impressum Design by VirtusWeb