HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 4/2017 luglio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2017 luglio | pagina 31

Un contratto d'affitto verbale: e la disdetta?
«Dal trasferimento di nostro figlio affittiamo la sua camera a uno studente. Non abbiamo stipulato un contratto scritto. Ora nostro figlio torna a casa e vorremmo dare la disdetta allo studente. Dobbiamo rispettare delle formalità?»

Sì. Anche per i contratti stipulati verbalmente, i proprietari e gli inquilini di locali commerciali e abitativi devono dare la disdetta per iscritto.

Il proprietario deve usare il formulario ufficiale cantonale, altrimenti la disdetta non è valida.

Se non avete stabilito altri termini e scadenze, una camera ammobiliata può essere disdetta con un preavviso di due settimane per la fine di un mese d'affitto.


Eredità: mi spetta il 2° pilastro di mio fratello?

«Mio fratello è morto. Era celibe e senza figli. Sono la sua erede unica: ho diritto ai suoi averi di secondo pilastro?»

Dipende dalla cassa pensioni. Per legge, ne hanno diritto solo il coniuge, il partner registrato e i figli minorenni. Nel proprio regolamento, la cassa può però stabilire che possano accedere a un capitale in caso di decesso anche i figli adulti, i genitori o i fratelli.

Attenzione: molte casse pensioni stabiliscono un termine per la richiesta da parte dei beneficiari. Il diritto potrebbe già prescriversi dopo tre o sei mesi.


C'è un usufrutto: posso vendere la mia casa?

«Mia madre è morta e mio padre vive in una casa per anziani. Lui gode di un diritto di usufrutto vita natural durante nella casa di famiglia di mia proprietà. Lui non vuole ritornarci e io vorrei venderla. Posso farlo senza il suo consenso?»

Sì. In quanto proprietario, è libero di vendere la casa. Il consenso di suo padre non è necessario.

Dopo la vendita rimane però valido l'usufrutto e suo padre potrà continuare ad affittare la casa.


Non può ripetere la quarta media: che si fa?

«Mio figlio ha finito la quarta media con una media inferiore al 4,65 e non potrà quindi andare al liceo. Ho chiesto alla scuola di fargli ripetere l'anno, ma senza successo. C'è un'altra possibilità?»

Sì. Suo figlio può sostenere l'esame di ammissione al liceo, che consiste nella prova scritta e orale in italiano, tedesco e matematica. Di regola, è organizzata in ogni liceo entro la fine di agosto.


Rispondo io in caso di incidente?

«Sono un camionista. Secondo il mio contratto di lavoro, in caso d'incidente devo rispondere sempre dei danni se l'assicurazione veicoli a motore non paga. I costi saranno detratti dal salario. È una clausola corretta?»

No. I dipendenti sono pienamente responsabili se causano il danno intenzionalmente. Se si verifica per negligenza, la responsabilità è ridotta in proporzione alla colpevolezza.

Anche altri motivi possono comportare l'esclusione o la riduzione della responsabilità del dipendente. Per esempio, istruzioni o controlli errati da parte dell'azienda o un salario troppo basso rispetto alle responsabilità del dipendente.

È pertanto inammissibile una responsabilità totale e forfetaria indipendente dalle circostanze concrete come quella stabilita sul suo contratto.

Impressum Design by VirtusWeb