HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 4/2017 agosto

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
4/2017 agosto | pagina 5

Edelweiss rompe ma non paga
La compagnia aerea del gruppo Swiss si rifiuta di risarcire una tavola da surf che si è danneggiata durante il volo. Ma per i bagagli spettano fino a 1’500 franchi

I passeggeri aerei hanno diritto al risarcimento per i bagagli danneggiati in volo. Ma alcune compagnie non ci stanno. Il caso di Edelweiss Air.

A fine gennaio Federico Rossi (nome fittizio) va in Sicilia per fare surf. Prenota il volo con Edelweiss Air sul sito internet di Swiss. La compagnia aerea è del gruppo Swiss che a sua volta appartiene alla tedesca Lufthansa. Imballa la sua tavola da surf in un involucro protettivo e per il trasporto paga fr. 60.- a tratta.

Chi danneggia deve rispondere
La tavola non supera indenne il volo di ritorno da Catania a Zurigo: ha quattro buchi che raggiungono i sette centimetri di diametro e la stoffa dell’involucro protettivo è strappata e non più riparabile.

La nuova fodera costa fr. 179.-, la riparazione della tavola da surf fr. 600.-. Danno complessivo: fr. 779.-.

Ma Edelweiss non risponde per il danno alla tavola da surf, come avviene di solito per tutti gli attrezzi sportivi. Rimborsa solo fr. 145.- per la fodera. Un prezzo più basso di quello effettivo, perché il risarcimento per i bagagli dei passeggeri danneggiati sarebbe calcolato solo al valore attuale. Per ogni anno di calendario, Edelweiss calcola un deprezzamento pari al 10% del prezzo da nuovo. A fine gennaio, però, la fodera non ha neanche due mesi di vita. Ciò nonostante, Edelweiss deduce per il 2016 e per il 2017 il 20% del suo prezzo. Rossi reclama senza successo.

Alexander von Ziegler, avvocato e professore di diritto aereonautico all’Università di Zurigo, gli consiglia di farsi valere. Secondo la Convenzione di Montreal, tutte le compagnie aeree devono rimborsare fino a fr. 1’520.- se danneggiano i bagagli. La Convenzione è valida anche in Svizzera e in Europa, dunque anche per Edelweiss Air e Swiss.

La detrazione è inammissibile
Secondo Ziegler, il calcolo del danno si basa sul diritto applicabile al contratto, in nessun caso quindi secondo il diritto svizzero. Nel caso di danni, la compagnia aerea dovrebbe pagare il valore attuale. Per calcolarlo, si deduce dal prezzo d’acquisto dell’oggetto danneggiato la perdita di valore dovuta all’usura e all’età. Una deduzione forfetaria per anno di calendario però non è ammissibile. Anche un’esclusione generale della responsabilità per attrezzi sportivi non sarebbe ammessa dalla Convenzione di Montreal. Il portavoce di Edelweiss Andreas Meier ammette che il calcolo del valore attuale applicato alla fodera della tavola da surf era sbagliato. A Rossi sarà risarcito l’intero prezzo d’acquisto.

Per quanto concerne la responsabilità per la tavola da surf, Edelweiss non vuole sentire ragioni. Ma non dice perché.

Consiglio: spesso le assicurazioni mobilia domestica o viaggi comprendono anche una copertura per i danni ai bagagli. Potrebbe pertanto valere la pena annunciare il danno.


Buono a sapersi

Comunicate per tempo il danno subito

- I danni ai bagagli vanno annunciati per iscritto entro sette giorni dalla consegna.

I passeggeri possono chiedere fino a fr. 1’520.- di risarcimento. Devono dimostrare in modo chiaro l’ammontare del danno. Fa stato il valore attuale e non il valore a nuovo. Agli oggetti usati si deve quindi applicare una detrazione.

- La perdita delle valigie va comunicata per iscritto alla compagnia aerea entro 21 giorni dalla consegna dei bagagli.

Consiglio: compilate una dichiarazione direttamente all’aeroporto. Se il bagaglio non viene ritrovato entro 21 giorni o se la compagnia aerea ammette la perdita, bisogna reclamare nuovamente entro sette giorni. La responsabilità è limitata a fr. 1’520.- a passeggero.

- Nel caso di bagagli riconsegnati in ritardo, i passeggeri possono spendere fino a fr. 1’520.- per acquisti d’emergenza. Significa che si può acquistare solo lo stretto necessario.

Per esempio, se si perde la bicicletta per le vacanze sportive, non si può acquistarne una nuova, perché è possibile noleggiarne una.
Importante: conservate le ricevute e fate una fotocopia prima di trasmetterle alla compagnia aerea.

Beatrice Walder, K-Tipp
Michela Salvi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb