HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 4/2017 agosto

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
4/2017 agosto | pagina 7

In vacanza con Fido (forse)
Molti paesi sono severi con chi ha un animale domestico. Ecco le norme da rispettare

Chi vuole portare cani e gatti in vacanza deve informarsi per tempo sulle normative in vigore all’estero. Altrimenti il viaggio può finire molto male.

Per portare il gatto in Islanda bisogna ottenere un permesso d’importazione da parte dell’Ente di veterinaria, pagare una tassa di circa 320 franchi e consegnare l’animale in quarantena per quattro settimane a spese proprie. Sono obbligatori numerosi vaccini e l’animale può essere importato solo attraverso l’aeroporto.

Chi decide di partire verso questo paese con un breve preavviso farebbe meglio a lasciare il gatto a casa. Lo ha scoperto a proprie spese una coppia svizzera in viaggio in camper. Lo scorso aprile è partita per un viaggio al Nord. Sul traghetto per l’Islanda, le autorità si sono accorte della presenza del gatto e il veterinario ufficiale ha soppresso l’animale. Motivo di tanta severità: proteggere l’Islanda dalle epidemie.

I proprietari di animali domestici dovrebbero studiare le leggi sull’importazione anche per viaggiare in altri paesi.

Nell’Unione europea è in vigore dal 2004 una normativa che stabilisce quanto segue:

- Gli animali domestici devono essere muniti di microchip. Eccezione: se l’animale è stato tatuato in modo chiaramente leggibile prima del 3 luglio 2011 il chip non è obbligatorio.

- È richiesto un passaporto per animali da compagnia, rilasciato dal veterinario, con i dati dell’animale, del proprietario e delle vaccinazioni.

- L’animale deve essere vaccinato contro la rabbia. A dipendenza del paese in cui si vuole soggiornare, la relativa vaccinazione non può risalire a oltre sei mesi o un anno prima del viaggio.

- L’animale deve essere dichiarato spontaneamente alla dogana.

Tutte queste regole valgono per l’importazione di cinque animali al massimo. Altrimenti si applicano le disposizioni sull’importazione commerciale.

Beatrice Walder, K-Tipp
Michela Salvi, Spendere Meglio

Info: tiny.cc/viaggiare-animali
tiny.cc/viaggiare-animali

Impressum Design by VirtusWeb