HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 4/2017 agosto

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
4/2017 agosto | pagina 8

I trucchetti degli albergatori
Con prezzi esca e tassa di soggiorno separata, gli hotel riducono artificialmente le tariffe

Quando si prenota online, molte camere d’albergo sembrano economiche. In realtà, gli albergatori usano diversi trucchetti per ingannare i clienti.

Sulla rivista specialistica Hotel-Revue, l’esperto del settore alberghiero Gianluca Marongiu consiglia agli albergatori di non abbassare i prezzi realmente, ma artificialmente.

«Se si tolgono particolari prestazioni, si possono offrire prezzi più bassi senza perdere soldi». Secondo Marongiu, gli hotel dovrebbero fare come le compagnie aeree, cioè suddividere il prezzo in varie parti. Quello complessivo comparirà solo al termine della procedura di prenotazione.

Prezzo più basso ma non si può annullare
Si possono trovare opzioni come Early Check-in o Late Check-out. Esempio: all’hotel Allegra Zurich Airport, per fr. 50.- gli ospiti possono acquistare il diritto di prendere la camera già dalle nove di mattina. Un trucchetto particolarmente utile se gli orari normali di check-in e check-out non sono comodi.

Un altro trucco è quello adottato, secondo Marongiu, dal 95% degli alberghi svizzeri: la tassa di soggiorno è fatturata separatamente.

Più è grande la quota variabile del prezzo, più è piccola la commissione per il portale di prenotazione. Da booking.com gli albergatori pagano tasse di mediazione tra il 12% e il 20%. Marongiu consiglia pertanto di puntare alle prenotazioni dirette.

Secondo i contratti stipulati con i portali di mediazione, gli alberghi sul proprio sito web non possono offrire un prezzo più basso, quindi attirano i clienti con altri servizi o prestazioni, in genere comunque modesti. L’hotel bernese a cinque stelle Schweizerhof, per esempio, offre un vasetto di miele, un buono taxi da fr. 5.- o un posteggio gratuito.

Vi sono poi le offerte economiche che non possono essere stornate e vanno prenotate almeno sette giorni in anticipo. Marongiu parla di «prezzo esca». Soltanto un terzo dei clienti prenoterebbe a questi prezzi. La maggioranza sarebbe disposta a pagare di più per avere una maggiore flessibilità. Ecco qualche esempio:

- La camera doppia standard dell’hotel Seefeld di Zurigo pagata subito e senza possibilità di storno costa fr. 261.-. Per poter cancellare la prenotazione fino al giorno prima senza spese, il prezzo sale a fr. 290.-.
- Per la camera doppia Classic dell’hotel Leoneck Swiss di Zurigo si pagano fr. 243.-. Se si vuole avere la possibilità di annullare la prenotazione, il prezzo è di fr. 270.-.

Alcuni hotel urbani fanno credere al cliente che avrà un pass gratuito per i mezzi pubblici, ma questo è solo parzialmente vero. In Ticino, per esempio, si allettano gli ospiti con «viaggi gratuiti» sui mezzi pubblici. Ma il Ticino Ticket è cofinanziato dalla tassa di soggiorno, che è pagata dal cliente generalmente fr. 5.80.- in più a pernottamento.

Ueli Abt, Saldo
Michela Salvi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb