HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 5/2017 ottobre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
5/2017 ottobre | pagina 29

Banca Cler, è tutto uno spot
Il nuovo istituto di credito promette trasparenza. Ma i prodotti non sono così chiari


Il suo nome significa semplice, comprensibile. Eppure la nuova Banca Cler non è così chiara come vuol far credere. Ecco perché.

Da maggio 2017 l’ex banca Coop si chiama Banca Cler. Il nome è stato preso dal romancio e significa chiaro, semplice, comprensibile.

Da un lato, il cambiamento del nome è stato determinato dalla separazione da Coop: il grande rivenditore al dettaglio ha venduto il suo pacchetto azionario alla banca cantonale di Basilea.

Dall’altro, Banca Cler vuole sfruttare il nuovo nome per costruirsi un’immagine migliore. Con la nuova campagna pubblicitaria presentata sul sito internet, «È ora di un parlare di soldi», punta molto su qualità come onestà, chiarezza e semplicità.

Ma le sue offerte sono davvero chiare e semplici? L’istituto propone tre conti risparmio e investimenti, che allettano i clienti con interessi all’apparenza attraenti. Controllando meglio, però, si scopre che sono i soliti specchietti per le allodole. Ecco qualche esempio:

- Conto risparmio Exclusive. Per l’apertura, Cler offre un allettante interesse preferenziale compreso tra lo 0,5 e lo 0,6% per un anno. Il conto può essere però aperto solo dai clienti già titolari di un pacchetto per clienti privati, per esempio due conti privati, una carta Maestro e una carta di credito. Più è grande il pacchetto, più aumentano gli interessi.
I pacchetti sono però a pagamento. Considerando i costi, si riducono i guadagni prospettati.

Inoltre, sono tutt’altro che chiare le regole per calcolare gli interessi: i rendimenti cambiano a dipendenza della durata, in modo che per il cliente diventa difficile capire quali interessi medi incasserà effettivamente annualmente. È un calcolo che deve fare da sé.

- Conto di risparmio Plus. È pubblicizzato con interessi dello 0,4%. Il tasso però vale solo il primo anno, poi il cliente riceverà un tasso nettamente inferiore di appena lo 0,1% annuo. Con una durata di cinque anni, allo stato attuale ne risulta appena lo 0,16%, calcolando su dieci anni rimane appena lo 0,13%.

- Rispinvest Plus. Per questo prodotto, i clienti devono versare almeno 10 mila franchi su un conto risparmio e investire la stessa cifra in un fondo d’investimenti a scelta.

Il tasso di interesse dell’1,5% vale solo il primo anno. I soldi sono poi riversati su un normale conto di risparmio Plus, il cui tasso d’interesse al momento è ancora solo dello 0,1%.

Per il fondo, inoltre, insorgono spese annuali di acquisto e deposito che possono raggiungere lo 0,3%.

Conclusione: i prodotti non sono semplici e chiari. Banca Cler è di tutt’altro avviso: sostiene che i propri clienti sono soddisfatti.

Johannes Plott, Saldo
Michela Salvi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb