HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 5/2017 ottobre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
5/2017 ottobre | pagina 32

Regali ai miliardari e più disoccupazione
Christian Vitta, ministro ticinese dell’economia, vorrebbe punire chi lavora e avvantaggiare i super-ricchi.

In settembre ha proposto di ridurre le imposte ai miliardari e aumentare i prelievi salariali con cui versare 3500 franchi per la nascita di ogni figlio. L’ha chiamato un pacchetto fiscale “sociale”. In realtà:

- I 3500 franchi sono pagati con un prelievo salariale che spinge le aziende a tagliare i posti di lavoro.

- Lo sgravio fiscale lo pagherà il ceto medio. Si dovranno tagliare le spese per scuole, sport, parchi giochi e altri servizi penalizzando le famiglie.

Secondo Vitta, senza sgravi i miliardari scapperanno.

Che ansia! Umanamente viene un nodo alla gola pensando a questi super-ricchi in fuga, impauriti dalle imposte. Poveri miliardari bisognosi. Per fortuna c’è il buon samaritano Vitta che corre in loro soccorso!

Se abbassiamo le imposte ai miliardari, tutti gli altri pagheranno di più e riceveranno meno. Inoltre i grossi contribuenti (miliardari, banche,...) favoriscono gli sprechi. Perché risparmiare se tanto paga Paperone? E quando la pacchia finisce sono dolori.

Fino al 2013 nella ricca Lugano il sindaco si chiamava Giorgio Giudici. A causa della sua gestione “mani bucate”, sono stati dilapidati milioni di franchi. «In quattro-cinque anni Lugano ha bruciato il capitale proprio costruito in decenni» ha detto nel 2014 Michele Foletti, capo dicastero finanze. «Senza enormi misure di contenimento della spesa, nel 2016 ci sarebbe il punto di non ritorno, il fallimento»(1).

Con un'imposta federale sulla ricchezza, si fermerebbe l'assurda gara al ribasso "per-non-far-scappare-i-miliardari-nell'altro-cantone". L'imposta sulla parte di sostanza superiore a una certa soglia (poniamo 10 milioni) sarebbe uguale per tutti, verrebbe versata alla Confederazione la quale la distribuirebbe a cantoni e comuni in base alla popolazione.

A questo punto gli enti pubblici sarebbero motivati a spendere meglio i nostri soldi. Invece di soccorrere gli sventurati miliardari, Vitta cercherebbe di migliorare i servizi e abbassare le imposte al ceto medio.

Matteo Cheda

(1)tiny.cc/lugano-fallimento
tiny.cc/lugano-fallimento

Impressum Design by VirtusWeb