HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2017 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2017 novembre | pagina 16

La natura fa il latte migliore
I prodotti bio e Demeter contengono più vitamine A e D e acidi grassi omega 3

Davanti al latte esposto sugli scaffali dei negozi è facile confondersi. La scelta è ampia: latte normale pastorizzato, da fieno, da fieno di montagna, da pascolo, biologico, Heidi, Demeter e altri prodotti regionali.

Sulle confezioni sono raffigurate mucche felici, montagne e prati fioriti. Nome e packaging promettono una qualità speciale, nonostante si tratti di semplice latte intero.

Ma qual è il migliore? Nessuno riporta sulle confezioni il tenore di vitamine o di omega 3, importanti per il cuore e il sangue. Per verificare la qualità effettiva del latte venduto nei nostri negozi, la rivista K-Tipp ha fatto analizzare in laboratorio 15 prodotti.

Risultato: in generale, la qualità del latte intero svizzero pastorizzato è buona. Non sono stati trovati residui di pesticidi né nell'economico latte Migros Valflora da fr. 1.10 al litro, né nei costosi prodotti Demeter che al litro costano fr. 1.95 (vedi tabella).

Tanti omega 3 nei prodotti migliori
Ciò nonostante, l'analisi ha portato alla luce alcune differenze: nel latte bio Demeter e bio sono stati trovati i tassi più elevati di pregiati acidi grassi e vitamine. I tre vincitori del test, Spar Natur Pur, Coop Naturaplan Demeter e Molkerei Biedermann Demeter, hanno ottenuto la nota più alta (6). Il latte di montagna di Aldi e Coop contengono moltissime vitamine, ma meno omega 3.

Per tenore di omega 3 e vitamine, il latte da fieno di Coop, da pascolo di Denner e Heidi di Migros non presentano quasi alcuna differenza rispetto al latte intero normale.

Gli esperti hanno valutato la quantità di acidi grassi omega 3 in percentuale e la somma delle vitamine A e D al decilitro. Il tasso di acidi grassi omega 3 nei latti migliori del test superava i 70 milligrammi al decilitro. Nel latte standard di Emmi ce n'erano un po' meno di 50.

Questi risultati rispecchiano a grandi linee quelli di un test sul latte pubblicato circa dieci anni fa dalla rivista Gesundheitstipp: anche allora il latte intero bio conteneva più omega 3 del latte normale.

Il latte intero normale svizzero presenta solo minime differenze di qualità, grazie all'alimentazione generalmente buona delle mucche da latte. Da maggio a ottobre più dell'80% delle mucche trascorre la maggior parte del tempo all'aria aperta. Più è varia l'erba nel foraggio secco e meno foraggio concentrato mangiano, più elementi nutritivi pregiati ci sono nel latte. Il foraggio concentrato è fatto, per esempio, da mais e cruschello di soia, usati dagli allevatori per incrementare la produzione lattiera delle mucche.

Norme più severe per i produttori bio
In Svizzera, le condizioni per il foraggiamento delle mucche che producono latte normale e quello da fieno non presentano quasi alcuna differenza.

Solo gli allevatori bio e Demeter devono rispettare requisiti più severi. Per le mucche bio vale questo rapporto: 90% di mangime naturale e 10% di foraggio concentrato. Nell'allevamento Demeter, quando possibile, si rinuncia completamente al foraggio concentrato.

La maggior parte dei commercianti non commenta i risultati del test. Per Migros ed Emmi sono «plausibili». Secondo Emmi, oltre alla percentuale di mangime naturale, anche la stagione e l'ubicazione dei pascoli influenzano la composizione dei grassi: «I pascoli alpini a quote più elevate aumentano la quantità di componenti pregiate».

Anche per Aldi non si possono evitare variazioni nella composizione del latte. Il prezzo più alto del latte da fieno di montagna Milfina è spiegato con il fatto che le mucche sarebbero nutrite senza foraggi insilati. Il fieno proverrebbe da prati di montagna svizzeri.

Tra l'altro, chi preferisce il latte intero Uht perché più a lunga conservazione non deve temere di perdere preziosi acidi grassi. Il processo Uht non ne modifica la composizione. La percentuale di acidi grassi del latte parzialmente scremato, invece, si riduce in proporzione al tasso di scrematura.


Carne più sana col fieno

Le mucche che mangiano soprattutto erba e fieno non forniscono solo un latte migliore, ma anche carne più sana.

Meno foraggi concentrati si usano, più la carne è buona. A dirlo sono due studi inglesi che hanno valutato complessivamente 267 singoli studi sulle qualità di latte e carne.

I ricercatori dell'Università di Newcastle sono giunti alla conclusione che la carne bio contiene meno acidi grassi saturi della carne da allevamento convenzionale. Questi grassi aumentano il rischio di malattie cardiocircolatorie.

Inoltre, proprio come il latte, anche la carne da allevamenti bio contiene molti più acidi grassi omega 3.

Andras Schildknecht, K-Tipp
Michela Salvi, L'Inchiesta

Impressum Design by VirtusWeb