HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2017 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2017 dicembre | pagina 14

Più natura in quei giorni
Contro i disturbi del ciclo sono utili i rimedi dolci e i cibi giusti

Durante le mestruazioni si possono avere crampi dolorosi. Per alleviare i sintomi, sono indicati vari rimedi naturali. Tra questi, il calore, il tè e la cannabis.

Negli Stati Uniti è in vendita un nuovo farmaco contro i dolori mestruali: le supposte vaginali a base di estratto di cannabis. In Svizzera non sono omologate, perché contengono il Thc, un principio attivo della cannabis. È una sostanza che provoca stati di ebbrezza e sottostà alla legge sugli stupefacenti.

È invece ammesso il cannabidiolo (Cbd), un altro principio attivo della cannabis che non è uno stupefacente.

Il Cbd dovrebbe alleviare i crampi, inibire le infiammazioni e ridurre l'ansia. Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica, il suo effetto curativo non è ancora stato studiato a sufficienza. Il medico di Gesundheitstipp Thomas Walser non ha invece dubbi: i prodotti con Cbd possono aiutare contro i dolori del ciclo.

Ci sono anche rimedi dolci più studiati della cannabis (vedi tabella). Uno di questi è il calore. Nel 2006 alcuni medici inglesi hanno scoperto che una bottiglia dell'acqua calda ha effetti simili ai farmaci: se si scalda la pelle vicino al punto dolorante a 40 gradi, i recettori del dolore si spengono.

Bagni, massaggi e tè alleviano i sintomi
Può aiutare anche un bagno con oli eterici di lavanda o salvia moscatella. Bastano dieci gocce da sciogliere prima in un po' di panna, altrimenti non si mischiano all'acqua e possono irritare la pelle. L'alternativa è sciogliere alcune gocce in un olio neutro, per esempio di sesamo, e massaggiare il basso ventre due o tre volte al giorno.

Anche i tè sciolgono i crampi dei muscoli uterini. Sono consigliate l'alchemilla, la cinquefoglia piè d'oca e l'achillea. Si possono bere tre tazze al giorno a partire da cinque giorni prima del ciclo.

Il movimento può essere un'altra soluzione. Secondo alcuni ricercatori inglesi, lo yoga aiuta perché riduce la percezione del dolore e libera antidolorifici naturali nel corpo. Più consigliato lo Hatha Yoga, con i suoi esercizi di respirazione e rilassamento.

Agopressione e una dieta ad hoc
Nell'agopressione si massaggia per uno o due minuti un punto specifico, che si trova una mano sotto l'ombelico e due dita sopra l'osso pubico. Si dovrebbero liberare i blocchi delle correnti energetiche presenti nel corpo.

Può essere utile anche cambiare temporaneamente dieta, limitando carne, uova e latticini grassi da una settimana prima del ciclo, e consumando più verdura, frutta, patate e olio di pesce. Grazie al magnesio, noci, leguminose, cereali integrali e banane possono ridurre i crampi. Le spezie come l'anice, il finocchio e il cumino rilassano i muscoli.

I farmaci dovrebbero essere invece l'ultima spiaggia se i rimedi dolci non funzionano.

Walser consiglia di non usare il buscopan, perché può irritare la pelle. Per l'azienda produttrice Sanofi, il farmaco non è omologato per i disturbi del ciclo. Potrebbe però sciogliere i crampi nella muscolatura dell'apparato genitale femminile.

Contro i crampi, alcuni medici prescrivono una pillola anticoncezionale. Gli ormoni ridurrebbero lo spessore delle mucose uterine, facendo contrarre meno i muscoli durante il ciclo. La pillola deve però essere assunta ogni giorno per mesi.

Luzia Mattmann, Andrea Schmits, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb