HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2017 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2017 dicembre | pagina 3

A pranzo col nemico
L'istamina può causare grossi disturbi. Più colpite le donne

Chi ha problemi con l'istamina deve limitare alcuni alimenti, come il salame e i pomodori.

L'istamina è una sostanza prodotta dal corpo. È responsabile, per esempio, delle reazioni in caso di allergia e ha un ruolo in caso di infiammazioni. Si trova pure in alcuni alimenti, come salsicce, formaggio, pomodori e vino rosso, mentre il cioccolato e gli agrumi ne stimolano il rilascio da parte del corpo.

Secondo gli specialisti, una persona su cento ha problemi con l'istamina. Le più colpite sono le donne, perché alcuni giorni prima e durante il ciclo se ne forma molta nelle mucose uterine.

Questa sostanza è eliminata dall'enzima diaminossidasi. Nei soggetti interessati si viene a creare uno squilibrio: il corpo produce una quantità insufficiente di enzima o l'istamina in eccesso si forma per altre intolleranze o allergie. Molte pazienti presentano reazioni allergiche agli acari della polvere o sono intolleranti al fruttosio. Per arrivare a una diagnosi ci vogliono spesso anni, perché la patologia ha una sintomatologia molto variegata.

Per l'allergologo Brunello Wüthrich di Zollikerberg (Zurigo), i test non sono affidabili. Questo vale sia per le analisi del sangue sia per i test di provocazione, in cui si somministra mezza dose di istamina. L'ipotesi può poi essere confermata da una dieta.

Servono una dieta mirata e vitamine
Oltre a un'alimentazione adeguata, sono consigliati elementi nutritivi quali la vitamina C e le vitamine B attivate. Possono essere necessari anche zinco, selenio e rame.
Le capsule con l'enzima diaminossidasi riducono l'istamina. La cura è però costosa e non è rimborsata dalla cassa malati di base.


Consigli

Il problema si cura a tavola

- Non conservate gli alimenti troppo a lungo.
- Mettete subito in frigo i resti dei pasti appena cucinati.
- Mangiate formaggi freschi e non quelli a lunga stagionatura.
- Il vino bianco contiene meno istamina di quello rosso.
- In genere, pesci e carne surgelati sono tollerati meglio.

Sonja Marti, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb