HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 6/2017 dicembre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2017 dicembre | pagina 4

Vaccini col pancione
Pertosse: per alcuni medici l'immunizzazione è rischiosa

Per l'Ufficio federale della sanità pubblica i vaccini contro la pertosse e l'influenza proteggono mamma e bebè. Alcuni esperti li ritengono pericolosi.

In Svizzera, negli ultimi dieci anni, la pertosse ha causato la morte di due bebè di meno di sei mesi, un'età entro cui neanche quelli vaccinati prestissimo hanno sviluppato una piena protezione.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) consiglia quindi alle donne in gravidanza di vaccinarsi per proteggere anche il feto. Un'altra vaccinazione consigliata è quella contro l'influenza.

Alcuni esperti ritengono che siano entrambe pericolose. «Nei feti, i processi complessi si svolgono a livello cerebrale», spiega il pediatra tedesco Martin Hirte. «Bisognerebbe evitare qualsiasi cosa che possa influenzare questo sviluppo».

Uno studio statunitense del 2014 ha dimostrato che tra le donne incinte vaccinate si presentava con maggiore frequenza l'infiammazione della membrana intorno all'embrione. Questa può causare parti prematuri e la morte del bebè.

«Solo studi a lungo termine potranno dimostrare se e come le vaccinazioni influenzano lo sviluppo e la funzione immunitaria del feto», dice Hirte.

I vaccini contengono anche sostanze chimiche problematiche, per esempio tracce di formaldeide o di alluminio. «Le opinioni degli specialisti sugli effetti collaterali di queste sostanze non sono però unanimi», afferma la dottoressa Yvonne Gilli di Wil (San Gallo).

Hirte sostiene che si possono proteggere i bebè dalla pertosse anche senza vaccino. Consiglia di far visitare fratelli e genitori che dovessero avere una tosse prolungata. Se la diagnosi è pertosse, andrebbe assunto un antibiotico. E dovrebbe prenderlo anche il bebè per evitare di essere contagiato.

Alluminio più utile che dannoso
Adrien Kay dell'Ufsp difende i vaccini. Secondo vari studi, la protezione dalla pertosse supererebbe il 90%. E numerosi lavori di ricerca avrebbero dimostrato che la vaccinazione in gravidanza non sarebbe problematica. L'utilità dell'alluminio sarebbe «senza dubbio superiore al danno».

Anche il vaccino antinfluenzale sarebbe indicato, perché un brutto decorso dell'influenza può causare aborti spontanei, parti prematuri e disturbi dello sviluppo fetale.

Luzia Mattmann, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb