HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 1/2018 gennaio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
1/2018 gennaio | pagina 28

Protezione giuridica : scoperti col fisco
Per i contenziosi con le autorità fiscali, poche assicurazioni offrono una buona copertura

«Per tutti i casi» è lo slogan che campeggia sulla pagina internet della compagnia assicurativa Cap. La sua assicurazione di protezione giuridica è definita «lo strumento giusto per garantirsi la massima tutela» grazie a un interlocutore affidabile.

In realtà non vale per tutti i casi. Sono esclusi molti ambiti del diritto, come divorzi o contenziosi inerenti investimenti finanziari. E questo vale anche per altre assicurazioni di protezione giuridica.

Per capire quali sono le prestazioni per contenziosi con le autorità fiscali, sono stati ipotizzati otto casi (vedi tabella):

1. Alla vendita di un immobile, si ha un contenzioso a causa dell'imposta sugli utili immobiliari.

2. Lavori di rinnovo alla casa di proprietà: è conteso il fatto che l'investimento miri alla conservazione del valore dell'oggetto e possa quindi essere dedotto come manutenzione.

3. L'autorità fiscale ha aumentato il valore locativo e l'interessato non è d'accordo.

4. Il proprietario di due appartamenti è in lite per la definizione del domicilio fiscale a livello cantonale.

5. Spese per pendolari: l'ufficio fiscale non accetta la deduzione dei costi dell'auto privata per il tragitto casa-lavoro.

6. Divergenze di vedute in merito alla tassazione della riscossione di averi di previdenza.

7. Dopo un divorzio si discute su quale dei due ex coniugi possa chiedere l'applicazione della tariffa per coniugati.

8. La figlia maggiorenne vive ancora in casa e non si sa se le spese di formazione possano essere dedotte dai genitori o dalla figlia stessa.

Promosse le polizze di Das e Dextra
Il confronto concerne i prodotti standard degli assicuratori di protezione giuridica privata, dunque la copertura per privati. La copertura delle questioni fiscali per le aziende è migliore.

Le indicazioni nella tabella si basano sulle condizioni assicurative attuali. Quelle precedenti della stessa compagnia possono essere diverse.

Risultato:
- Gli unici prodotti standard molto buoni per i contenziosi in ambito fiscale sono quelli di Das e Dextra, che coprono anche questo settore in misura sufficiente.

- Tre assicuratori non offrono alcuna copertura, né hanno un'offerta specifica complementare come invece Protekta e Assista.

- Alcune compagnie offrono una consulenza unica tra fr. 500.- e fr. 1'500.-. In singoli casi può essere utile, ma per un processo non serve.

- Cap e Protekta hanno moduli complementari che, in caso di contenzioso fiscale, pagano fino a fr. 15 mila, rispettivamente fr. 10 mila. Meglio di niente, ma per una lunga procedura giudiziaria potrebbe non essere sufficiente.

Assicurazione assente nel periodo di attesa
Nelle questioni fiscali, solitamente l'assicurazione di protezione giuridica subentra solo al termine della procedura di reclamo.

Ma questo non è un problema, perché un primo reclamo scritto contro una decisione dell'autorità fiscale è gratuita ed è anche alla portata di chi non se ne intende. Basta comunicare entro 30 giorni su quale punto si è in disaccordo, esporre una richiesta ed eventualmente presentare le prove.

In genere, la protezione giuridica fa ricorso dopo che l'autorità ha rigettato il reclamo e insiste sulla propria posizione. Cap, invece, sostiene di subentrare già dal momento della decisione d'imposizione da parte del fisco.

Le procedure di recupero d'imposta non sono assicurate. Si tratta di casi in cui il contribuente ha nascosto reddito o sostanza e ha quindi cercato di truffare il fisco.

Vale inoltre il principio secondo cui una casa che brucia non è assicurabile: chi è già coinvolto in un contenzioso con l'autorità fiscale non potrà più assicurare il caso specifico.

Alcuni assicuratori, inoltre, hanno un periodo di attesa, per esempio di tre mesi. I contenziosi insorti dopo la stipulazione del contratto d'assicurazione ma ancora in questo lasso di tempo non sono coperti.

Eccezione: quando la compagnia offre soltanto la consulenza giuridica, è possibile che questa sia fornita sin da subito, anche se il contenzioso è già in corso.

Ernst Meierhofer, K-Geld
Michela Salvi, L'Inchiesta


Impressum Design by VirtusWeb