HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 1/2018 febbraio

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
1/2018 febbraio | pagina 15

Miao, che schifo!
I peggiori cibi per gatti sono i più economici. A lungo termine possono fare male alla salute

Un alimento umido su due è insufficiente: non fornisce al gatto tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Quasi ovunque ci sono troppi minerali.

Stando a quanto riportato sulle confezioni, la maggior parte dei cibi umidi per gatti fornisce tutte le sostanze nutritive di cui i mici hanno bisogno. È così?

La rivista K-Tipp e la trasmissione Kassensturz hanno fatto analizzare 15 prodotti, tra cui anche i più economici venduti dai grandi commercianti. Un laboratorio tedesco ha misurato la quantità di minerali, nutrienti, oligoelementi, vitamine, taurina e zuccheri. Un'esperta ha poi valutato i prodotti sulla base di questi valori (vedi "I criteri del test").

Quasi la metà dei cibi analizzati ottiene un giudizio insufficiente. Tra questi, quelli a marchio Aldi, Coop, Spar, Volg, Denner, Lidl e Migros. Se i gatti mangiano questi prodotti per un lungo periodo, non si esclude che possano avere problemi di salute.

Per contro, i rinomati prodotti di marca, come Felix e Purina di Nestlé e Royal Canin, ottengono un giudizio globale buono. Whiskas e Sheba sono sufficienti.

Il secondo miglior prodotto del test, Daya Classic, è ormai fuori produzione.

Troppo magnesio in 11 campioni
Fatta eccezione del vincitore, tutti i campioni contengono troppi minerali: in quasi tutti c'è un sovradosaggio di calcio e fosforo. Troppo calcio può causare carenze di zinco, ferro e rame, mentre una quantità eccessiva di fosforo aumenta il rischio di danni ai reni, una causa frequente di morte tra i gatti.

Anche il magnesio può essere pericoloso: in dosi troppo elevate potrebbe favorire la formazione di calcoli. In un chilo di prodotto non dovrebbe esserci più di 1 mg. Ben 11 campioni superano questo limite.

Inoltre, in più della metà dei prodotti ci sono grandi quantità di vitamina A. Un sovradosaggio protratto nel tempo può causare dolorose deformazioni dello scheletro.

La nota positiva è che ovunque ci sono proteine grezze a sufficienza. I gatti sono carnivori e hanno un grande fabbisogno di proteine: in caso di carenza rischiano danni al fegato. I cibi analizzati contengono anche una quantità sufficiente di oligoelementi, ma in alcuni dovrebbe esserci più rame (Spar, Volg e Purina Gourmet). Nei gatti, la carenza di rame può causare anemia.

Le confezioni riportano il dosaggio consigliato, ma secondo l'esperta Christine Iben dell'Università di Vienna, quello di quattro prodotti si distanzia chiaramente dal fabbisogno giornaliero effettivo. Con le quantità consigliate da Migros e Landi i gatti ingrasserebbero troppo. Landi propone 300-400 grammi al giorno, ma ne bastano 270.

Il tenore di zuccheri presenta grandi differenze: dallo 0,15% di Joy Bitscat al 5% di Purina One. Oltre allo zucchero naturale, per esempio quello nei cereali, la maggior parte dei prodotti contiene zucchero da tavola caramellato. Usato per migliorare il colore degli alimenti, troppo zucchero può favorire il diabete. Purina One ha quindi subito una detrazione.

Molti produttori rimandano alle linee guida dell'associazione europea dell'industria degli alimenti per animali domestici, che non prevedono una quantità massima di calcio e fosforo.

Secondo Coop, Prix Garantie Cat Mix è in esaurimento. Nestlé (Purina), Mars (Whiskas, Sheba) e Migros spiegano che i dosaggi consigliati non hanno validità generale e occorre adeguare la quantità all'età, alla razza e all'attività del gatto.


I criteri del test

I mangimi sono stati analizzati dal Centro scientifico per l'alimentazione, l'agricoltura e l'ambiente dell'Università tecnica di Monaco in Freising (Germania). Sono state rilevate le quantità di:

- Nutrienti
Proteine, materia grassa, fibre grezze e ceneri grezze (residui inceneriti).

- Vitamine
Vitamine A, E e D3.

- Oligoelementi
Ferro, rame, manganese, zinco, selenio e iodio.

- Minerali
Calcio, fosforo, sodio, magnesio, potassio e cloruro.

Il laboratorio ha rilevato la quantità dell'aminoacido taurina che protegge le cellule e il tenore complessivo di zucchero.

Christine Iben, professoressa all'Università di medicina veterinaria di Vienna, ha poi valutato i 15 prodotti sulla base dei risultati delle analisi.

Ha confrontato i dosaggi consigliati dai produttori con il fabbisogno effettivo. Per questa valutazione, ha considerato un gatto di 4 kg con attività media.

Sabine Rindlisbacher, K-Tipp
Michela Salvi, Scelgo io



Irradiati dai cordless

I telefoni senza fili emettono radiazioni potenzialmente nocive.

Ökotest non consiglia nessuno dei 15 cordless testati. Tutti trasmettono con una radiazione pulsata ad alta frequenza, le cui conseguenze sulla salute non sono ancora state chiarite.

Lloyd 15 con Ab di Aeg irradia persino quando non viene usato.

Impressum Design by VirtusWeb