HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 2/2018 marzo

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2018 marzo | pagina 16

Non è musica per le orecchie
Solo l'audio di 3 auricolari wireless su 12 è di buona qualità. In molti modelli le batterie non durano abbastanza

La nuova generazione di auricolari ha eliminato il problema dei cavi: ormai l'unico indizio che svela che una persona sta ascoltando musica è un bottoncino nell'orecchio.

La rivista K-Tipp ha fatto esaminare in laboratorio 12 auricolari truly wireless che costano tra 50 e 270 franchi. Gli apparecchi funzionano via bluetooth.

Il criterio principale del test è stato la qualità del suono nella riproduzione di brani rock, jazz e di musica classica. Inoltre, sono stati valutati la durata delle batterie e il tempo necessario alla ricarica degli auricolari. Il laboratorio ha misurato anche l'influsso dei fruscii ambientali e l'attutimento della musica verso l'esterno (vedi "I criteri del test").

Gli auricolari Bragi si sono distinti per la buona qualità audio in tutti i generi musicali, l'ottima isolazione dai rumori ambientali e verso l'esterno e la durata della batteria superiore a cinque ore. Per un confronto, quelli di Samsung durano poco meno di due ore.

Valutate il gommino prima dell'acquisto
Gli Airpods di Apple hanno ottenuto un giudizio globale solo sufficiente, nonostante costino più dei Bragi. Non sono dotati di gommini per l'orecchio e la qualità dell'audio è determinata proprio dall'adattatore auricolare. Un gommino troppo piccolo non isola l'orecchio a sufficienza, con un influsso negativo sui bassi. Lo stesso può avvenire con un adattatore troppo grande.

Per trovare il modello giusto, si dovrebbe indossare il gommino per almeno dieci minuti, il tempo necessario affinché con il calore dell'orecchio si adatti al padiglione e al condotto auricolare. Se gli adattatori in dotazione non vanno bene, si può provare con uno universale.

Un altro svantaggio degli auricolari Apple è che isolano male dai rumori ambientali: nessun altro modello fa passare altrettanti fruscii. Gli auricolari Bragi isolano molto meglio.

Il produttore di Sandberg, modello piazzatosi al penultimo posto, critica le condizioni della prova. I test dell'audio svolti in laboratorio non sarebbero confrontabili con le condizioni reali. Gli auricolari Samsung analizzati nel test non sarebbero più prodotti. Il nuovo modello costerà molto di più, circa 220 franchi. Secondo l'azienda, la qualità audio e la durata della batteria sono migliori.


I criteri del test

Il laboratorio Müller Bbm di Monaco, specializzato in elettronica per l'intrattenimento, ha esaminato i 12 auricolari secondo questi criteri:

- Qualità audio
Tre esperti hanno valutato il suono trasmesso dagli auricolari, riproducendo brani jazz, rock e di musica classica con un iPhone 6 e un Samsung S7.

- Batteria
Per quanto tempo l'auricolare carico riproduce musica a un volume di 85 decibel? Gli esperti hanno rilevato anche il tempo necessario alla ricarica delle batterie scariche di entrambi gli auricolari. I prodotti sono stati ricaricati nelle powerbank fornite o con un caricatore.

- Rumori
A una distanza di 20 centimetri dagli auricolari inseriti su teste di manichino, gli esperti hanno misurato il volume della musica che ne fuoriusciva. Inoltre, hanno verificato quanti rumori ambientali si sentivano con gli auricolari inseriti.

Lukas Bertschi, K-Tipp
Michela Salvi, L'Inchiesta

Impressum Design by VirtusWeb