HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2018 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2018 aprile | pagina 14

Peeling, occhio alla pelle
Solo 3 esfolianti su 15 sono privi di sostanze problematiche

Quasi tutti i peeling per il viso contengono sostanze nocive, ma non in quantità preoccupanti. Uno dei più economici è tra i migliori.

I peeling sono prodotti cosmetici che esfoliano lo strato piu superficiale della pelle, rendendola più morbida. È quindi molto importante che contengano poche sostanze irritanti. Un laboratorio ne ha analizzati 15 per il viso, cercando conservanti a effetto ormonale (parabeni), metalli pesanti velenosi e formaldeide. Gli esperti hanno verificato anche se contenevano profumi allergenici: i produttori hanno l'obbligo di dichiarare sui prodotti quelli in quantità superiori a 100 milligrammi al chilo.

Zoé di Migros con piombo e arsenico
Il laboratorio non ha trovato in alcun prodotto quantità preoccupanti di sostanze problematiche. Ma solo in tre non ce n'erano affatto (vedi tabella). Tra questi, uno dei peeling più economici del test: I am di Migros.
I produttori non hanno violato l'obbligo di dichiarazione dei profumi allergenici e la maggior parte ne limita l'uso. I prodotti che ne contenevano di più sono Cv Face, Sante, Biokosma e Nuxe.

La maggior parte dei produttori usa materie prime senza tracce di metalli pesanti velenosi o formaldeide. Nel peeling Zoé di Migros, però, il laboratorio ha trovato residui di piombo e arsenico. Il valore di arsenico rilevato superava leggermente il tenore di tolleranza tedesco per i cosmetici di 0,5 milligrammi al chilo.

Secondo Migros, i tenori di arsenico e piombo rilevati proverrebbero dal caolino. Questa argilla bianca, che contiene una certa quantità di metalli pesanti per natura, sarebbe usata per ottenere l'effetto opacizzante. La maggior parte di questi metalli non sarebbe solubile e pertanto non dannosa.

I prodotti di Clinique, Lubex e Nuxe contenevano tracce di antimonio, un metallo velenoso. Nel peeling Beauté Suisse di Landi c'era formaldeide libera e legata (2 milligrammi al chilo), una quantità nettamente inferiore a quella limite. Landi verificherà comunque la provenienza di queste tracce.

Chi vuole rinunciare alle sostanze chimiche può preparare da sé un peeling, mescolando un cucchiaio di zucchero con tre di miele e un po' di quark naturale. In alternativa, si può anche mischiare zucchero e olio d'oliva in parti uguali.

Andreas Schildknecht, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb