HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2018 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2018 aprile | pagina 22

Ho la tosse, voglio la nonna!
I rimedi casalinghi agiscono più dei farmaci e non fanno danni

Le farmacie offrono molti rimedi chimici e naturali contro la tosse. Ma in genere sono inutili e dannosi. Meglio affidarsi a quelli della nonna.

Secondo alcuni specialisti, i rimedi venduti in farmacia contro la tosse secca sono necessari in casi molto rari. «La tosse non dovrebbe essere considerata un nemico», dice la dottoressa di Gesundheitstipp Stephanie Wolff di Oberglatt (Zurigo), perché serve a liberare le vie respiratorie dal muco.

Non ci sono prove solide dell'efficacia della maggior parte dei farmaci (vedi tabella). «Tutti hanno un forte effetto placebo», afferma il farmacologo Bernhard Lauterburg. Non sono più efficaci di un normale sciroppo, «solo che costano di più e presentano un rischio maggiore di effetti collaterali».

Gli studi effettuati dimostrano che, in caso di tosse, gli unici principi attivi che agiscono più dei placebo sono la codeina e il destrometorfano, che però hanno pesanti effetti indesiderati. Dallo scorso autunno la codeina non è più permessa nei rimedi per bambini di meno di 12 anni. Motivo: problemi respiratori e casi di decesso.

«Questi farmaci dovrebbero essere assunti solo per disturbi gravi quali problemi del sonno o dolori», sostiene Lauterburg. La loro efficacia è imprevedibile: «Su alcuni hanno un effetto insufficiente, ad altri causano intontimento». E possono creare dipendenza.

Il bilancio dei mucolitici chimici è ancora peggiore. Non è chiaro se i rimedi con i principi attivi acetilcisteina o ambroxolo facilitino l'espettorazione del muco.

E i prodotti naturali? Secondo la rivista specialistica Arznei-Telegramm l'efficacia delle piante curative non sarebbe dimostrata.

Il tè caldo fluidifica il muco
Lo sciroppo omeopatico per la tosse Stodal contiene una miscela altamente diluita di nove piante curative diverse. Pure in questo caso mancano le prove.

In genere, per alleviare i sintomi bastano i rimedi casalinghi. Bere molto fluidifica il muco nella gola: via libera al tè caldo con timo, altea o piantaggine. Possono servire anche le inalazioni. Studi svolti con bambini hanno dimostrato che il miele può alleviare la tosse, aggiungendolo anche al tè di timo. È sconsigliato metterlo nel latte, perché questo favorisce la formazione del muco in gola.

I produttori Bgp Products, Gebro, Vifor, Spirig Healthcare e Novartis scrivono che Swissmedic considera efficaci i loro prodotti con codeina, destrometorfano e acetilcisteina. Lo stesso dice Schwabe per Umckaloabo. Per Ibsa, gli studi avrebbero dimostrato l'efficacia di Solmucalm e Solmucol. Gsl Consumer Healthcare fa sapere che Neocitran è sul mercato da oltre 50 anni.

Max Zeller Söhne sostiene che l'efficacia dell'estratto di foglie d'edera sarebbe dimostrato da un nuovo studio, finanziato però dallo stesso produttore. Secondo Biomed, nelle proprie direttive la Società tedesca di pneumologia avrebbe consigliato Bronchipret quale unico rimedio vegetale. Per Boiron, la maggioranza dei pazienti sarebbe soddisfatta dello sciroppo Stodal.

Andreas Gossweiler, Gesundheitstipp
Silvia Mossi, Scelgo io


Impressum Design by VirtusWeb