HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2018 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2018 aprile | pagina 2

Carenze con il carbone
Il carbone attivo dovrebbe disintossicare il corpo. In realtà può causare carenze nutritive.

Grazie alla sua struttura porosa, il carbone attivo può assorbire e legare a sé molte tossine. Ecco perché i medici lo prescrivono in caso d'intossicazione. E lo si trova anche in alcuni alimenti.

«Il carbone attivo è efficace se l'assunzione è a lungo termine, ma può causare anche carenze di elementi nutritivi», spiega il medico David Fäh. Il carbone, infatti, non fa distinzione tra tossine, batteri nocivi e sostanze buone quali i minerali.

Se lo si vuole aggiungere a una bevanda come gli smoothie, sarebbe prima opportuno consultare il proprio medico.



Additivi ai raggi X con l'app Codes E

Volete sapere se un additivo fa male? Ve lo dice l'app "Codes E".

Lanciata nel 2011 dalla rivista romanda per consumatori Bon à savoir, l'app "Codes E" è stata aggiornata e completata con l'opera di riferimento «Le nouveau guide des additifs» di Anne-Laure Denans, dottoressa in farmacia e nutrizionista.

Grazie a questa applicazione, si può sapere l'uso, l'utilità e gli eventuali pericoli di un additivo, sostanza identificata con il codice E seguito da un numero.

A ogni additivo è stato attribuito un colore: verde (senza pericolo), giallo (qualche dubbio), arancione (rischi importanti) e rosso (da evitare assolutamente). Per esempio, tutti quelli a base di fosfati sono classificati con il colore rosso.

L'app costa fr. 4.- ed è disponibile in quattro lingue (italiano, francese, tedesco e inglese) su App Store e Google play.



________

I test ci rendono, più insicuri

Miao, che schifo! (Scelgo io, febbraio 2018).

Daya classic, da voi definito buono, non fa più parte dell'assortimento di Manor da mesi! Shah di Aldi, classificato come insufficiente, ha vinto il test della rivista austriaca Konsument.

A questo punto, rimango scettico pure di fronte all'articolo sulle mele. Mi sembra che i vostri test rendano solo più insicuri i consumatori: si sentono come Biancaneve che si vede offrire una mela avvelenata dalla strega cattiva.

Claudio Chiesa, Vacallo

Impressum Design by VirtusWeb