HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 2/2018 aprile

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
2/2018 aprile | pagina 31

Con l'infortunio si riduce la tredicesima?
«Dopo un infortunio non ho lavorato per due mesi e ho percepito le indennità giornaliere dall'assicurazione infortuni della mia azienda. Ora mi è stata ridotta la tredicesima: è giusto?».

Sì, perché per i due mesi di inabilità lavorativa ha già ricevuto la tredicesima quale quota parte dell'indennità.

Di conseguenza, il suo datore di lavoro gliel'ha dovuta pagare solo per dieci mesi.



Effetti collaterali: il mio medico doveva dirmeli?

«Il medico mi ha prescritto un farmaco che, stando al bugiardino, causa sonnolenza e non permette di guidare. Avrebbe dovuto dirmi gli effetti collaterali?».

Sì. Il medico deve informarla sui principali effetti e rischi di un farmaco, ma non è obbligato a leggerle tutto il foglietto illustrativo.

Se sapeva che lei ha un'auto, avrebbe dovuto segnalarle che il farmaco compromette l'abilità alla guida.



Lavoro in piedi e sono incinta: c'è uno sgravio?

«Faccio la cameriera in un ristorante e sono al quinto mese di gravidanza. Durante il mio lavoro cammino e sto molto in piedi. Ho diritto a uno sgravio?».

Sì. Siccome lavora prevalentemente in piedi, in aggiunta alle normali pause, l'azienda deve concedergliene una pagata di dieci minuti ogni due ore. Dal sesto mese di gravidanza dovrà lavorare in piedi quattro ore al giorno.

Se per le rimanenti ore il suo capo non può offrirle un lavoro sostitutivo equivalente, lei avrà comunque diritto all'80% del salario.



In Sudamerica: sospendo la base?

«Farò un viaggio di qualche mese in Sudamerica e vorrei sospendere la mia cassa malati di base. Posso farlo?».

No. Fino a quando manterrà il suo domicilio in Svizzera, rimarrà assicurato obbligatoriamente dalla sua cassa malati.

Vantaggio: se dovesse ammalarsi durante il viaggio, la cassa dovrà fornire le prestazioni previste.

Non è necessario stipulare un'assicurazione complementare per il viaggio. Nel caso di una cura d'emergenza in Sudamerica, è assicurato a una tariffa che può raggiungere al massimo il doppio di quella che le sarebbe fatturata in Svizzera. In Sudamerica dovrebbe essere sufficiente per quasi qualsiasi ospedale.



Mi hanno tolta dal modello di famiglia?

«Sono stata assicurata per anni con il modello medico di famiglia. Mi sono trasferita da poco in un nuovo appartamento e la cassa malati mi ha spostata alla normale assicurazione di base. Lo può fare?».

Sì. Le casse malati non offrono in tutte le regioni gli stessi modelli risparmio. Nel modello medico di famiglia, le casse possono anche decidere liberamente con quali dottori offrirlo.

Se la sua non prevede questo tipo di modello, è permesso il passaggio a quello di base normale.



Ai: l'assegno è pignorabile?

«Sono sulla sedia a rotelle e oltre alla rendita Ai percepisco un assegno grandi invalidi. Ho grosse difficoltà finanziarie e ho subito una procedura esecutiva. Il mio assegno grandi invalidi può essere pignorato?».

No. L'assegno deve finanziare specifiche prestazioni che la supportano e di cui ha bisogno. Si tratta quindi di un reddito non pignorabile. Questo vale anche per la rendita Ai.

Impressum Design by VirtusWeb