HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 2/2018 aprile

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
2/2018 aprile | pagina 22

Sfoglie sgonfiate
Due panettieri bocciano un quarto dei prodotti testati. Il meno caro è tra i migliori

Solo 3 sfoglie su 19 si gonfiano molto bene. Bocciati cinque prodotti, tra cui quello bio di Coop che rimane piatto.

Fare in casa la pasta sfoglia è abbastanza impegnativo ed è quindi molto più semplice comprarla già pronta. Ma i risultati possono deludere. Per verificare la qualità della pasta sfoglia in vendita, la rivista K-Tipp ha acquistato 18 prodotti dai grandi distributori. Li ha fatti cuocere in forno il giorno stesso dalla panetteria Stocker di Zurigo, che ha anche messo a disposizione una sfoglia di produzione propria, fatta con farina, sale, burro e acqua.

Una volta cotte, le sfoglie sono state valutate da due esperti: il maestro pasticciere Rolf Klaus della panetteria Klaus di Bülach (Zurigo) e Raphael Stocker, panettiere e pasticciere, nonché direttore sostituto della panetteria Stocker.

Con uno stampino di forma circolare sono stati ritagliati da ogni pasta quattro campioni uguali. Non sono stati né bucherellati né spennellati con l’uovo, ma appoggiati direttamente su una teglia rivestita di carta forno. A cottura terminata e dopo un breve tempo di raffreddamento, le sfoglie sono state presentate agli esperti della giuria. Questi hanno valutato il loro volume senza sapere di quale prodotto si trattasse.

Senza volume la sfoglia di Coop
Tre sfoglie hanno ottenuto un giudizio molto buono: Migros M-Budget («ben voluminosa»), M-Classic di Migros («aspetto meravigliosamente omogeneo e arioso») e Stocker («una gonfiatura un po’ selvaggia ma esemplare».

Cinque prodotti non hanno superato l’esame: la sfoglia alla spelta Migros di Anna’s Best è stata definita «tozza», quella al burro Anna’s Best «presenta una gonfiatura disomogenea con grandi spazi vuoti», Leisi Rustica ha avuto «uno scarso aumento di volume», la sfoglia Prix Garantie era «piatta» e Naturaplan Bio di Coop era «senza volume».

«La pasta bio ha un’altra ricetta rispetto a quella di una convenzionale», dice Coop. «Pertanto ha una forza leggermente ridotta che ne compromette il volume».
Nestlé spiega che la pasta Rustica di Leisi conterrebbe, oltre alla farina di grano duro, quella bigia. Le farine scure presenterebbero un volume di cottura inferiore a quello delle bianche.

Secondo Migros, nei test interni le paste pronte Anna’s Best avrebbero sempre raggiunto il volume stabilito.

Tatjana Jaun, K-Tipp
Vichi Masella, Spendere Meglio



Impressum Design by VirtusWeb