HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 5/2018 ottobre

Nome: Scelgo io
Nato il: 22 gennaio 2002
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
5/2018 ottobre | pagina 3

Menopausa, la favola del bio
Anche gli ormoni naturali possono essere pericolosi

Gli ormoni bioidentici sono proposti come alternativa innocua dopo la menopausa. Ma a lungo termine possono nuocere gravemente alla salute.

Gli ormoni contro i disturbi della menopausa hanno molte controindicazioni: occlusioni venose, infarto cardiaco, ictus e, a lungo termine, cancro al seno.

Così l'industria farmaceutica propone un'alternativa apparentemente innocua: i cosiddetti ormoni naturali o bioidentici. Contengono principi attivi quali l'estradiolo e il progesterone, che corrisponderebbero agli ormoni sessuali naturali delle donne. Sono venduti come preparati pronti chiamati Femoston, Oestrogel o Utrogestan. Alcune farmacie li preparano anche su ricetta.

Questi ormoni non sono migliori, perché le aziende farmaceutiche li producono anche in modo sintetico, isolando e modificando chimicamente sostanze tratte da piante quali l'igname o la soia.

«Non sono esattamente uguali agli ormoni naturali del corpo», dice il medico e farmacista Wolfgang Becker-Brüser della rivista specialistica tedesca Arznei-Telegramm.

L'agenzia statunitense dei farmaci non riconosce la definizione «bioidentici»: sarebbe solo una pubblicità per far credere che questi ormoni sono più efficaci e tollerati.

«Nessuno studio di un certo valore dimostra che sono meno pericolosi», sottolinea Becker-Brüser.

Erbe, oli e agopuntura possono essere d'aiuto
La ginecologa Rut Mellenthin di Soletta prescrive gli ormoni solo quando i disturbi sono importanti e altri metodi inefficaci. Altrimenti consiglia i globuli omeopatici o i rimedi vegetali quali la cimicifuga racemosa o la tintura di radice di igname. Inoltre, raccomanda di ridurre lo stress, dormire a sufficienza e accettare il climaterio.

In alternativa, possono essere utili le tinture di piante medicinali a base di iperico, salvia, luppolo e achillea assunte sotto forma di gocce, oppure gli impacchi con fiori di fieno o i bagni con oli essenziali di melissa e lavanda.

Alcuni studi hanno dimostrato che anche l'agopuntura è efficace.

Sonja Marti, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb