HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 5/2018 ottobre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
5/2018 ottobre | pagina 18

Decathlon va di corsa
La catena francese di articoli sportivi aprirà altre filiali in Svizzera. I prezzi sono spesso molto più bassi che altrove

Da Decathlon Svizzera molti prodotti costano meno che da Athleticum, Ochsner e SportXx, ma più che in Francia.

I discount tedeschi Aldi e Lidl hanno contribuito a far abbassare i prezzi, in particolare di Coop e Migros (vedi Spendere Meglio, giugno 2018). Lo stesso potrebbe verificarsi con gli articoli sportivi grazie alla concorrenza di Decathlon. La catena francese, presente in Svizzera da due anni con un negozio online, ha aperto due filiali nella Svizzera romanda, a Marin (Neuchâtel) e a Meyrin (Ginevra). Ma non si ferma: in futuro le filiali di Athleticum saranno sue.

La concorrenza è quasi sempre più cara
La rivista K-Tipp ha rilevato i prezzi di Decathlon in Francia e in Svizzera, confrontandoli con quelli di tre negozi svizzeri (Athleticum, Ochsner e SportXx). Risultato: dieci prodotti di marca su 14 erano più economici da Decathlon in Francia, uno solo da Decathlon Svizzera (vedi tabella a pagina 19).

In diversi casi le differenze di prezzo erano minime, in altri enormi. Le scarpe da corsa Asics Cumulus 19 da donna e Gt-2000-6, da Decathlon in Francia costavano l’equivalente di fr. 82.60, oltre il doppio da Athleticum, Ochsner e SportXx di Migros. Da Decathlon Svizzera le scarpe Asics costavano fr. 135.-, ben il 63% in più che in Francia.

Eppure Christian Ollier, direttore di Decathlon Svizzera, in un’intervista alla Sonntagszeitung aveva detto che l’obiettivo era di parificare i prezzi con quelli francesi. A causa dei salari e degli affitti elevati in Svizzera, si ridurrebbe il margine di guadagno. Ma questo sarebbe già considerato.

Ma come si spiegano le grandi differenze di prezzo tra Francia e Svizzera? «Ci orientiamo effettivamente sui prezzi dei paesi confinanti», dice la portavoce di Decathlon Nathalie Herrera. «Così possiamo evitare il turismo degli acquisti».

Dovrebbero però essere tenuti in considerazione anche i fattori regionali, come i prezzi della concorrenza, i tassi di cambio e l’Iva. Quest’ultima non è un buon argomento per giustificare i prezzi più elevati. In Svizzera è del 7,7%, mentre nei paesi confinanti tra il 19% e il 22%. Nonostante i prezzi più alti, 9 prodotti di marca su 12 da Decathlon Svizzera costano meno che dai concorrenti svizzeri. Le differenze sono notevoli soprattutto sulle scarpe.

Confrontate online gli articoli di marca
Il punto forte di Decathlon non sono gli articoli di marca, bensì i prodotti economici dei marchi interni, come B-Twin, Nabaji o Wed’ze (vedi tabella in alto). Risultato: 7 articoli su 11 costavano più in Svizzera che in Francia, con differenze tra l’11% e il 12%. Quattro erano più cari in Francia: in tre casi, la differenza era dell’1%, in uno del 39% (casco sci per bambini Stream 500).

Il prezzo online dei marchi interni è uguale a quello applicato dalle filiali. Tra gli articoli di marca, invece, le differenze possono essere notevoli. Esempio: nel giorno del rilevamento dei prezzi, le scarpe da trekking Salomon X Ultra 3 Gtx costavano fr. 169.90 nella filiale di Marin, fr. 105.- su decathlon.ch. Complessivamente, rispetto al sito web, nella filiale romanda quattro prodotti costavano di più e uno di meno.

«Ogni filiale può stabilire i prezzi in base alla domanda o alla stagione», spiega Herrera.

Marco Diener, K-Tipp
Michela Salvi, Spendere Meglio



Impressum Design by VirtusWeb