HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2019 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2019 giugno | pagina 29

Mi decurtano le indennità se a licenziarmi sono io?
I giorni di sospensione, di attesa e di vacanza. Spendere Meglio risponde a dieci domande dei lettori sulla disoccupazione

Quante sono le indennità giornaliere massime?

Dipende dal periodo di contribuzione, dall’età e dagli obblighi di mantenimento.

Gli assicurati fino a 25 anni senza figli ricevono al massimo 200 indennità, quelli con più di 55 anni fino a 520.

Ha diritto alla disoccupazione anche chi ha terminato l’apprendistato e non trova un impiego?

Sì, gli spetta un importo forfetario di fr. 50.80 al giorno.

Se ha più di 25 anni o ha figli, riceve il doppio.

Come si calcola l’ammontare dell’indennità giornaliera?

Il salario assicurato è quello percepito negli ultimi sei o 12 mesi (se più vantaggioso) prima della disoccupazione. L’importo massimo del guadagno assicurato è di fr. 12’350 franchi al mese.

Chi deve mantenere dei figli o guadagna meno di fr. 3’797.- mensili riceve l’80% del salario. Agli altri assicurati spetta un’indennità giornaliera pari al 70% del salario assicurato.

Cosa sono i giorni di attesa?

Sono i primi giorni di disoccupazione, durante i quali non si ha ancora diritto alle indennità.

Gli assicurati con un reddito molto basso non hanno giorni di attesa. Chi ha figli dovrà subirne al massimo cinque. Gli assicurati senza figli, a dipendenza del guadagno, avranno da 10 a 20 giorni di attesa.

Cosa sono i giorni di sospensione?

Se il disoccupato viola i suoi obblighi, non riceve temporaneamente le indennità. Per esempio, se non svolge le ricerche di lavoro richieste.

Il numero dei giorni di sospensione dipende dalla colpa e può raggiungere i 60 giorni.

Un disoccupato rischia giorni di sospensione se si è licenziato?

Sì. Per la disoccupazione a lui imputabile, a dipendenza dalla gravità della sua colpa.

Vale lo stesso se il contratto è stato disdetto in accordo con l’azienda?

Sì. In caso di scioglimento del contratto su reciproco accordo, per principio valgono le stesse regole applicate al caso del licenziamento da parte del dipendente.

Si rischiano giorni di sospensione se il dipendente è stato minacciato di licenziamento dall’azienda qualora non si licenziasse da sé?

No. Se si è posti inequivocabilmente di fronte alla scelta di licenziarsi o farsi licenziare, nel caso di disdetta da parte del dipendente valgono le stesse regole adottate quando è stato licenziato dal datore di lavoro.

I disoccupati hanno anche diritto alle vacanze?

Sì. Ogni 60 giorni, i disoccupati hanno diritto a cinque giorni di vacanza.

Durante la loro assenza non sono obbligati a cercare lavoro, ma ricevono ugualmente le indennità giornaliere.

Come ci si può opporre a un conteggio errato dell’indennità giornaliera?

Chi non è d’accordo ha 90 giorni di tempo da quando riceve il conteggio per chiederne una decisione scritta impugnabile.

Marina Röösli, Saldo
Silvia Mossi, Spendere Meglio

Impressum Design by VirtusWeb