HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2019 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2019 giugno | pagina 7

In treno a prezzi discount
Le giornaliere dei mezzi pubblici costano tra 30 e 45 franchi a dipendenza del comune

Spendere Meglio ha confrontato i prezzi e le condizioni di vendita delle giornaliere comunali per viaggiare con i mezzi pubblici. La zona più cara del Ticino è il Mendrisiotto.

Spostarsi liberamente per tutta la Svizzera con le carte giornaliere dei comuni (Flexi Card) è un servizio sempre più apprezzato. Ma i prezzi variano molto da una località all’altra.
Alcuni comuni vendono le giornaliere anche ai non domiciliati tramite il sito swisstrotter.ch. C’è chi la spedisce a casa e chi invece chiede il ritiro allo sportello.

La regione meno cara è il Locarnese. In media la giornaliera per i residenti costa fr. 37.81. Nel Mendrisiotto invece si spendono mediamente fr. 43.27, il 14% in più.

Con fr. 30.- per residenti (e fr. 40.- per non residenti) Centovalli e Sant’Antonino offrono la tariffa più bassa di Ticino e Moesano. «È una scelta politica», dice Axel Benzonelli, segretario comunale di Centovalli. «Siamo un comune di periferia, lontano dai centri quindi disponiamo di meno servizi e trasporti. Per questo motivo abbiamo deciso di offrire ai nostri domiciliati un prezzo interessante». Un incentivo per favorire la mobilità sostenibile. «Per chi non si sposta regolarmente con i mezzi pubblici, è più dispendioso un biglietto singolo che una carta giornaliera», sostiene Davide Vassalli, segretario comunale di Sant’Antonino. «Il riscontro è più che positivo: le persone residenti ne usufruiscono maggiormente».

14 mila franchi per una carta al giorno
A Mendrisio fino al 2018 la giornaliera costava fr. 40.- ed era limitata ai residenti. Ora anche i non domiciliati possono acquistarla ma il prezzo è salito a fr. 45.-. Taverne-Torricella ha motivato l’aumento di prezzo a fr. 45.- con l’argomento opposto. «Siccome ora i non residenti non possono più comprarla, è più facile che alcune carte restino invendute», dice Annalisa Ruberto, responsabile del controllo abitanti.

I comuni spendono 14 mila franchi annui per acquistare una Flexi Card al giorno. Per pareggiare i conti devono venderle tutte a fr. 38.34. Finora nessuno ha pensato di farle pagare di più quando la richiesta sale per il Salone dell’auto di Ginevra, i mercatini di Natale o le vacanze.

Giorgia Mossi,
Thomas Schürch,
Michele Sedili

Impressum Design by VirtusWeb