HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2019 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2019 giugno | pagina 28

Nuove sentenze
Licenziato perché rifiuta i guanti: senza indennità per 31 giorni

Un collaboratore di un ristorante di Zurigo non indossa sempre i guanti, nonostante ciò sia imposto dal datore di lavoro. Questi lo riprende due volte, minacciando di licenziarlo in caso di nuova infrazione.

Lui disobbedisce ancora e l’azienda lo licenzia. Dato che la disoccupazione è causata dal lavoratore, la cassa del canton Zurigo dispone 31 giorni di sospensione, durante i quali non sono versate le indennità giornaliere.

L’uomo si oppone, sostenendo che il datore di lavoro non gli avrebbe messo a disposizione guanti adatti. Non è stato però in grado di dimostrarlo. Per tutte le istanze, quindi, i giorni di sospensione sono giustificati.

Tribunale federale, sentenza 8C_19/2019 del 1° aprile 2019.


Infortunio: la cassa malati deve pagare l’impianto meno costoso per i denti

A causa di un infortunio, una donna zurighese perde gli incisivi superiori. Dalla sua cassa malati Mutuel Assurance è assicurata anche per gli infortuni e chiede una garanzia d’assunzione dei costi per una ricostruzione con impianti per quasi 20 mila franchi.

Su richiesta della cassa malati, il dentista stila un’offerta per una protesi mobile. Costo: circa 5 mila franchi. Mutuel rilascia la garanzia d’assunzione dei costi solo per questo importo.

La donna si oppone a questa decisione fin davanti al Tribunale federale, ma senza successo. Probabilmente la variante più costosa sarebbe più estetica e comoda, ma entrambe sarebbero utili allo scopo. La cassa deve quindi pagare solo la più conveniente.

Tribunale federale, sentenza 9C_637/2018 del 28 marzo 2019.


La fideiussione è valida solo se rogata e il creditore resta a bocca asciutta

Una società a garanzia limitata (Sagl) ottiene un prestito di fr. 400 mila. Il titolare si impegna a rispondere personalmente del debito qualora la Sagl non sia in grado di ripagarlo.

Successivamente viene aperto il fallimento contro la Sagl. Il creditore riceve soltanto fr. 81 mila e per l’importo restante si rivolge al tribunale regionale dell’Oberland bernese, il quale accoglie la sua azione.

Il Tribunale d’appello è di altro avviso: il titolare della ditta avrebbe stipulato una fideiussione, che per legge sarebbe valida solo se rogata da un notaio. Il Tribunale federale conferma questa decisione.

Tribunale federale, sentenza 4A_90/2019 del 2 aprile 2019.

Rubrica: Nuove sentenze

Impressum Design by VirtusWeb