HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 2/2020 aprile

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
2/2020 aprile | pagina 32

Tra le paure del coronavirus
La perdita di milioni di posti di lavoro causerà verosimilmente una crisi economica di portata storica

«Mi sembra di vivere in un film dell’orrore. È un delirio. Muori in ospedale da solo. I parenti non possono venire a trovarti. Ti chiudono, non li vedi più, non puoi dare loro l'ultimo saluto. Non fanno neanche il funerale. Io sono sempre stata una persona ottimista, una che non piange mai. Ma ora sto per crollare. Continuo a piangere».

La testimonianza di questa donna, residente in provincia di Bergamo, lascia intuire le paure di chi sta vivendo la diffusione del coronavirus.

C'è la paura che in ospedale non ci sarà posto per tutti e i medici dovranno lasciar morire una parte dei pazienti.

C'è la paura di restare soli. Chiusi agli arresti domiciliari senza contatti esterni, per rallentare la diffusione del virus.

E c'è la paura di restare senza soldi. La perdita di milioni di posti di lavoro causerà verosimilmente una crisi economica di portata storica.

Ho chiesto ai miei allievi della Scuola di giornalismo di Bellinzona di raccogliere interviste tra i testimoni dell'emergenza. Le pubblicheremo dopo l'epidemia, pensando in particolare ai nostri discendenti.

Queste testimonianze dal basso potranno essere un prezioso complemento alle informazioni ufficiali. Un mattoncino utile a ricostruire la storia locale di un'epidemia mondiale.

Matteo Cheda

Impressum Design by VirtusWeb