HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 2/2020 aprile

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
2/2020 aprile | pagina 6

Il semaforo per mangiare sano
Il consumatore ha un’arma in più per scegliere cibi sani. Si chiama Nutri-Score: l’etichettatura a semaforo. Ora c’è pure un’app per il telefonino.

Cinque lettere. Da A a E. Ognuna con un colore diverso: dal verde, il miglior punteggio, al rosso, il peggiore.

Un sistema intuitivo che permette di confrontare alimenti simili, in base a una formula che tiene conto degli aspetti positivi per la salute (frutta, verdura, legumi, noci, alcuni oli, fibre alimentari e proteine) e di quelli negativi (zucchero, sale, acidi grassi saturi e valore energetico). Nutri-Score è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori in Francia, dove è in uso dal 2017. Ora è presente anche in altri paesi dell’Unione europea, come Belgio, Germania, Paesi Bassi e Spagna.

Ma attenzione. Nutri-Score aiuta solo a fare la scelta più sana tra prodotti simili. Non è invece possibile confrontare articoli diversi, come mele e prosciutto.

Per esempio, i biscotti contrassegnati in verde sono più sani di quelli gialli. Uno yogurt rosso è meno consigliato di uno arancione. Ma lo yogurt potrebbe essere più sano dei biscotti, indipendentemente dal colore.

La tabella nutrizionale è troppo complicata
Il Nutri-Score non deve nemmeno essere confuso con la tabella nutrizionale, solitamente stampata sulla confezione, con i valori indicati per 100 grammi, 100 millilitri o per porzione, con la percentuale di fabbisogno giornaliero medio di un adulto. Informazioni non semplici da interpretare e che molte persone non leggono.

Nutri-Score è stato creato per essere uno strumento in più, facile e veloce, da affiancare ad altri criteri, come appunto la tabella nutrizionale, il prezzo e la tipologia di prodotto.

Ktipp e Bon à savoir, riviste partner di Spendere Meglio, hanno creato l’applicazione per smartphone Nutriscan+. Scansionando il codice a barre con il cellulare, si ottengono il punteggio della confezione, gli additivi, il livello di lavorazione (classificazione Nova) come pure eventuali informazioni aggiuntive (prodotto biologico, vegano, senza glutine, ecc.).

Nutriscan+ attinge le informazioni dalla banca dati Open Food Facts, piattaforma pubblica web dove gli iscritti possono caricare dati di prodotti alimentari da tutto il mondo.

L’app base è gratis. Con fr. 4.- si ottengono opzioni aggiuntive come le informazioni dettagliate su ciascun additivo, gli eventuali rischi per la salute, le controindicazioni in caso di diete o allergie, gli usi più comuni e le autorizzazioni all’immissione in commercio in Svizzera e in Unione europea.

Il prodotto meno caro non è il meno sano
Spendere Meglio ha testato l’app sulla maionaise di Coop e sulle noci miste di Migros. Per ogni alimento sono stati presi in considerazione la variante di marca, quella bio e quella a basso costo. Risultato: in entrambi i casi il prodotto meno caro non era il meno sano.


Maionese di Coop

Nestlé bio | fr. 3.50 | C
Prix Garantie | fr. 1.- | D
Naturaplan bio | fr. 2.30 | E


Noci miste di Migros (Prezzo per 100 grammi)

Sun Queen Premium | fr. 3.06 | A
M-Budget | fr. 1.50 | C
Sun Queen | fr. 3.- | C
Bio Migros | fr. 2.67 | D


Aldi sperimenta gli altri attendono
Aldi da quest’anno ha introdotto l’etichettatura Nutri-score in Svizzera. «Attualmente è in corso l’ulteriore sviluppo dell’introduzione in via sperimentale», scrive il portavoce Angelo Geninazzi. «Non appena saranno definiti ulteriori dettagli, informeremo i media e il pubblico».

Coop, Denner, Migros e Manor, riuniti nella Comunità d’interessi commercio al dettaglio svizzera (Ci Cds), «osservano attentamente l’andamento del Nutri-score» dice a Spendere Meglio il portavoce Aron Gfrörer. «Prima di eventuali passi, vogliono attendere i risultati di un largo studio francese. La pubblicazione, prevista per la primavera del 2020, mostrerà l’efficacia e le potenzialità di Nutri-score per la Svizzera».

Shila Dutly Glavaš

Impressum Design by VirtusWeb