HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2020 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2020 maggio | pagina 32

Indossiamo la mascherina! Fabbricarla è facile
Non esistono prove scientifiche sull’utilità della mascherina nella vita di tutti i giorni. Tuttavia, indossarla in pubblico è un atto di solidarietà

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, indossare la mascherina contro il coronavirus può darci un falso senso di sicurezza che ci spinge ad abbassare la guardia.

Per esempio, potremmo dimenticare di lavarci le mani.

Siccome mancano mascherine, le autorità raccomandano di non usarle, in modo da lasciarle al personale sanitario.

A mio avviso, sono entrambi problemi risolvibili.

Primo. Oltre a indossare la mascherina, dobbiamo continuare a:
- Lavarci spesso le mani.
- Non toccarci la faccia.
- Stare lontani dagli altri.
- Seguire le direttive delle autorità.

Secondo. Se abbiamo finito le mascherine, possiamo fabbricarcele noi.

Digitate “mascherine fai da te” su Youtube e troverete tante idee.

Chi sa cucire, può riciclare vecchie stoffe.

Gli altri possono usare fazzoletti, garze, carta da cucina, salviette per bebè, filtri del caffè. Perfino il sacchetto dell’aspirapolvere. Usate un materiale a due colori oppure marcate l’esterno. Così saprete da che parte indossarle.

(Quando sarà finita l’emergenza, compratene un po’ di scorta per la prossima volta. Il virus infatti potrebbe ritornare).

Non esistono prove scientifiche sull’utilità della mascherina nella vita di tutti i giorni. Tuttavia, indossarla in pubblico è un atto di solidarietà.

Quando usciamo di casa per fare la spesa e vediamo altre persone con la mascherina, ci ricordiamo che abbiamo un problema comune. Sappiamo che dobbiamo mantenere le distanze, aiutarci l’un l’altro e seguire le indicazioni degli esperti.

Soprattutto sappiamo che non dobbiamo abbassare la guardia. Non dobbiamo scivolare lentamente nella normalità pre-corona.

Le mascherine non mediche non bloccano tutti i virus. Ma almeno ci ricordano che non dobbiamo toccarci la faccia.

Matteo Cheda

Impressum Design by VirtusWeb