HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 3/2020 maggio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2020 maggio | pagina 13

Pellicce più trasparenti
Vera o sintetica: molti commercianti non dicono chiaramente se l'indumento è di origine animale oppure no. Ma ora dovranno indicarlo sull'etichetta

I venditori di pellicce devono dichiarare la provenienza e il tipo di allevamento dell'animale. Eppure in molti non lo fanno. Nel 2018 l'Ufficio federale di veterinaria (Usav) ha effettuato in Svizzera 163 controlli, segnalando 116 negozi per dichiarazioni carenti soprattutto su giacche con collo in pelliccia.

Inizialmente l'Usav si era rifiutato di consegnare a Saldo i nomi delle aziende segnalate, adducendo come motivazione la protezione della sfera privata e il segreto aziendale. Solo dopo l'intervento dell'Incaricato della protezione dei dati e della trasparenza Adrian Lobsiger nel febbraio 2020, l'Usav ha consegnato alla rivista i risultati dei controlli.

Tra i vari negozi di abbigliamento segnalati ci sono gli zurighesi Jet Set, Navyboot e Och Sport. Secondo l'Usav, hanno rettificato le dichiarazioni entro la scadenza imposta. Non l'hanno fatto, invece, Philip Plein Women del Foxtown di Mendrisio, Max & Moi Paris di Lucerna e Corado Firenze di Svitto. Anche due negozi della Svizzera romanda non hanno ancora apportato le correzioni richieste. Contro i cinque negozi è pendente un procedimento penale.

Corado non aveva dichiarato i colletti in pelliccia di 24 capi d'abbigliamento. Secondo il direttore aziendale Conrad Küttel, il negozio li ha introdotti più di 25 anni fa, perciò la dichiarazione sarebbe stata difficile. La carenza sarebbe stata colmata nel limite del possibile.

Più informazioni per i comsumatori
Il 1° aprile 2020 è entrata in vigore la revisione dell'Ordinanza sulla dichiarazione delle pellicce*. Se di origine animale, il capo di abbigliamento deve essere dichiarato «vera pelliccia». Inoltre, sull'etichetta vanno riportate alcune informazioni, come la provenienza e il tipo di allevamento. Va indicato, per esempio, se l'animale è stato cacciato o allevato secondo modalità non permesse in Svizzera, come la caccia con trappole o l'allevamento in gabbie con fondo a griglia.

bw, ms

*tiny.cc/pellicce
tiny.cc/pellicce

Impressum Design by VirtusWeb