HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 3/2020 giugno

Nome: Scelgo io
Nato il:
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2020 giugno | pagina 18

Pericolo in vasca
Insufficienti nove bagnoschiuma su dodici: si rischiano allergie

Promossi soltanto tre bagnoschiuma perché non contengono profumi allergenici. Tutti i prodotti testati sono privi di conservanti.

Un test della rivista Gesundheitstipp su dodici bagnoschiuma ha rilevato che in quasi tutti sono presenti profumi allergenici. Solo tre hanno ottenuto un giudizio globale molto buono: Olive di Isana, Ombia di Aldi e Wel! di Coop. Tutti gli altri sono risultati insufficienti o addirittura pessimi (vedi tabella).

Original di Borotalco e Latte & miele di Palmolive contenevano ben sei profumi in concentrazione superiore a 100 milligrammi al chilo, tra cui quelli che secondo il Comitato scientifico europeo per la sicurezza dei consumatori presentano un potenziale allergenico particolarmente elevato. Tre di questi, limonene, linalolo e cumarina, sono stati trovati anche in quasi tutti gli altri prodotti bocciati. I primi due possono causare allergie soprattutto quando entrano in contatto con l'ossigeno, perciò a tutti i campioni che li contenevano è stato tolto un punto.

Nei bagnoschiuma Palmolive e Borotalco c'erano muschi policiclici Hhcb. Nel secondo è stato rilevato anche il muschio chetone, probabilmente cancerogeno.

Gli ingredienti dei cosmetici devono apparire in etichetta. La dichiarazione di Borotalco era sbagliata, perché non menzionava l'acido benzoico. L'azienda che lo distribuisce in Svizzera, Bolton Swiss, scrive che le materie prime utilizzate sono sottoposte a regolari controlli.

Migros comunica che il successo dei bagnoschiuma dipende molto dalla loro essenza. Unilever (Dove) sostiene di rispettare le prescrizioni e di ritenere sicura la concentrazione rilevata.

Coop fa sapere che la ricetta di Prix Garantie è in fase di rielaborazione per migliorarne gli ingredienti.


I criteri del test

L'Istituto Sgs Fresenius di Wörgl (Austria) ha analizzato i dodici bagnoschiuma alla ricerca delle seguenti sostanze:

- Profumi
Il laboratorio ha misurato la concentrazione di 26 profumi allergenici, che vanno dichiarati da un tenore di 100 milligrammi al chilo. Quantità minori possono essere considerate non problematiche, ma nel test sono state comunque applicate detrazioni.

- Composti artificiali di muschio
Contaminano l'ambiente e sono tossici per gli organismi acquatici.

- Conservanti
Ricercati i tiazolinoni allergenici e i parabeni probabilmente attivi a livello ormonale. Risultato: assenti in tutti i bagnoschiuma testati.

Julia Wyss, Gesundheitstipp
Michela Salvi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb