HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Scelgo io
Edizione: 3/2020 giugno

Nome: Scelgo io
Nato il:
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 30 dei mesi dispari


Abbonati a Scelgo io
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Scelgo io su iPad e iPhone

Torna indietro
3/2020 giugno | pagina 14

La natura combatte l'herpes
Consigliati i rimedi green in ogni fase, dal prurito alle vescicole

Per accelerare la guarigione, l'herpes labiale andrebbe trattato alle prime avvisaglie. I rimedi dolci sono efficaci anche dopo e hanno pochi effetti collaterali.

All'inizio si sente un pizzicore sul labbro, poi si formano le bollicine piene di liquido. La causa? I virus dell'herpes, che possono restare silenti a lungo nel corpo ed essere riattivati dal sole, dai raggi Uv e dallo stress. Sono molto resistenti e rendono pertanto difficile il trattamento dell'herpes.

Per impedire la loro proliferazione e alleviare i dolori, farmacie e drogherie vendono pomate chimiche come Fenivir o Zovirax (vedi tabella). I produttori le consigliano per tutte le fasi, dal prurito alla comparsa delle vescicole.

In realtà non servono a molto. Secondo i ricercatori dell'Università statunitense del North Carolina, che hanno analizzato 20 studi con oltre 8 mila pazienti, le creme con principi attivi come ciclovir e penciclovir hanno un'utilità marginale e riducono di 24 ore al massimo i disturbi. L'efficacia di simili principi attivi è migliore nelle compresse come Famvir, per le quali serve la prescrizione medica, dato che causano effetti collaterali quali mal di testa e nausea. Stephan Lautenschlager, primario dell'Istituto di dermatologia e venerologia degli ospedali zurighesi Waid e Triemli, li prescrive solo in casi gravi.

Lo specialista consiglia i rimedi dolci: sono spesso efficaci e hanno meno effetti secondari.

Zinco e acido silicico per seccare le vescicole
I virus dell'herpes si possono contrastare più facilmente all'insorgere delle prime avvisaglie, quando il labbro inizia a prudere. In questo stadio precoce funzionano i rimedi con estratto di melissa. Non è molto dimostrata, invece, l'efficacia dei dispositivi come Herpotherm e Vitacell softlaser, che dovrebbero combattere i virus con il calore.

La natura può aiutare anche dopo la comparsa delle vescicole. Per seccarle, Lautenschlager consiglia pomate allo zinco o all'acido silicico, come Virudermin o Silicea. Tenderdol herpatch forma una pellicola protettiva che evita il diffondersi del liquido. Le crosticine andrebbero invece ammorbidite con una crema, come quella alla calendula.

Secondo la ditta farmaceutica Mepha, la pomata Aviral può impedire la formazione delle bollicine se applicata abbastanza presto.

Il produttore della crema Zovirax dice che le bollicine andrebbero trattate al più presto, per evitare la proliferazione dei virus. Per Interdelta, Fenivir dovrebbe accelerare i tempi di guarigione e ridurre il dolore.

Luzia Mattmann, Saldo
Silvia Mossi, Scelgo io

Impressum Design by VirtusWeb