HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2020 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2020 giugno | pagina 26

Sussidi di cassa malati, occhio alle scadenze
La maggior parte dei cantoni, Ticino incluso, richiede annualmente l'invio della domanda di riduzione dei premi. Alcuni, invece, la concedono automaticamente

Le persone a basso reddito hanno diritto ai sussidi di cassa malati. Ma termini e scadenze, che variano da un cantone all’altro, rendono a volte complicato richiederli.

Secondo la Legge sull’assicurazione malattie, «i cantoni accordano riduzioni dei premi agli assicurati di condizione economica modesta. Versano l’importo per la riduzione del premio direttamente agli assicuratori presso i quali queste persone sono assicurate». Per i redditi medi e bassi riducono di almeno l’80% i premi dei minorenni e di almeno il 50% cento quelli dei giovani adulti in formazione(1).

I requisiti per avere diritto alla riduzione cambiano a dipendenza del cantone. In genere, sono determinanti il reddito dell’economia domestica e il numero di figli.

In Ticino è possibile calcolare l’ammontare del sussidio sul sito dell’amministrazione cantonale. Basta inserire alcuni dati, come il numero di componenti del nucleo familiare, il reddito, la sostanza e i contributi sociali(2). Si può chiedere anche una consulenza telefonica.

In genere, chi percepisce prestazioni complementari o un aiuto sociale non deve inoltrare una richiesta di sussidio. Il diritto è stabilito d’ufficio. In Ticino, non devono farlo nemmeno i beneficiari di assegni integrativi o di assegni di prima infanzia.

Tutti gli altri soggetti devono farne esplicita domanda nella maggior parte dei cantoni. Il formulario può essere richiesto online, telefonicamente o agli uffici competenti. Va consegnato entro determinate scadenze, che variano da un cantone all’altro (vedi tabella). Per esempio, entro fine marzo dell’anno corrente ad Appenzello esterno e San Gallo o entro fine settembre dell’anno precedente a Svitto. In Ticino, per beneficiare della riduzione del premio per un anno intero, occorre trasmetterlo entro il 31 dicembre dell’anno precedente. È però possibile fare domanda in qualsiasi momento: per esempio, se si chiede la riduzione nel mese di febbraio, il diritto al sussidio inizia il 1. marzo.

Riduzione automatica in dieci cantoni
Sette cantoni concedono automaticamente la riduzione dei premi sulla base dei dati fiscali: Appenzello interno, Berna, Ginevra, Giura, Neuchâtel, Uri e Vallese. Casi particolari a parte, i cittadini che ne hanno diritto ottengono il sussidio senza doversi preoccupare di formulari e scadenze.

Altri cantoni stanno valutando di seguire questa procedura. Nel canton Turgovia gli aventi diritto potrebbero presto ricevere il sussidio senza doverlo richiedere personalmente.

«Ciò riduce le spese amministrative e garantisce che nessuno perda il diritto perché non ha inoltrato la richiesta», scrive il cantone sul proprio sito internet. La modifica di legge deve ancora essere avallata dal parlamento turgoviese.

In tre cantoni, Basilea Città, Friburgo e Grigioni, chi ha inoltrato la richiesta una volta ottiene la riduzione automaticamente negli anni successivi.

Tatjana Jaun, Karl Kümin, Beatrice Walder, K-Tipp
Michela Salvi, Antonella Sicurello, Spendere Meglio


(1)tiny.cc/Lamal (articolo 65)
(2)tiny.cc/simulatore

tiny.cc/Lamal
tiny.cc/simulatore

Impressum Design by VirtusWeb