HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 3/2020 giugno

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
3/2020 giugno | pagina 9

Covid-19, Berna meno rigida sull’etichettatura
Il governo federale allenta le norme sull’etichettatura per aiutare i produttori che hanno problemi di fornitura. Al momento i negozi non presentano criticità.

Per andare incontro ai produttori ai tempi del coronavirus, il governo federale ha introdotto una deroga alla dichiarazione degli ingredienti in etichetta. È possibile sostituire quelli di difficile reperimento con altri disponibili, senza l’obbligo di indicarli sulla confezione. Il nuovo prodotto va contrassegnato con un adesivo rosso, che riporta il sito internet dove trovare informazioni sulla modifica. I produttori devono poter dimostrare all’autorità il problema di fornitura.

Secondo Berna, questa deroga, che resterà in vigore presumibilmente sei mesi, è permessa solo se i nuovi ingredienti non comportano alcun rischio per la salute dei consumatori.

Ma quali scarseggiano? L’Ufficio federale per la sicurezza delle derrate alimentari non ha fornito informazioni concrete. Ha detto soltanto di essere stato informato dall’industria di alcune difficoltà.

«Da quanto ne sappiamo, non vi sono ancora prodotti di questo tipo in vendita», fa sapere la Federazione delle industrie alimentari svizzere. Coop, Migros, Lidl e Aldi comunicano di non avere al momento in assortimento merce con il punto rosso.

Un portavoce di Lidl dice che non si prevede di applicare la regola. Anche Aldi e Migros non stanno pianificando nulla. Migros e Coop fanno sapere di non avere avuto finora alcun problema di fornitura.

eb, ms

Impressum Design by VirtusWeb