HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 4/2020 luglio

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
4/2020 luglio | pagina 14

In panne con Smart, meno guasti con Toyota
State pensando di acquistare una macchina usata? Ecco i modelli pių affidabili secondo l'Adac

Nella statistica dei guasti dell'Automobile club tedesco Adac, Toyota Aygo del 2019 č risultata la migliore tra le utilitarie pių piccole*. Tutti i modelli prodotti dal 2010 sono i meno soggetti a rotture. Le peggiori sono state Smart Forfour e Fiat 500. I guasti pių frequenti sulle prime sono dovuti alla batteria o all'accensione, quelli delle seconde al cambio.

Per quanto riguarda le utilitarie, le pių affidabili sono Audi A1, Citroën C3, Fiat Punto, Honda Jazz, Mini o Toyota Yaris. Le pių soggette ai guasti sono Opel Meriva e Hyundai i20 (sistema di raffreddamento nelle prime, candele e blocco d'accensione nelle seconde).

Nella classe media inferiore, nel 2019 la peggiore č stata Kia Ceed del 2011, con guasti vari. Anche Nissan Quashqai risulta poco affidabile: č la batteria ha dare i maggiori problemi.

Tra gli altri modelli, hanno avuto pochi guasti Audi A3 e Q3, Bmw Serie 1, 2 e X1. Anche Hyundai Tucson, Mitsubishi Asx, Skoda Rapid e Vw Beetle sono state affidabili.

Complessivamente, la maggior parte delle auto rimane per strada a causa della batteria. Rispetto agli anni precedenti sono aumentate anche le forature.

eb, ms

*tiny.cc/Adac-statistica



Bici elettriche, batterie esplosive

Le batterie di alcune e-bike possono surriscaldarsi ed esplodere.

Le batterie agli ioni di litio sono performanti ma hanno uno svantaggio: le celle al loro interno possono surriscaldarsi e gonfiarsi, finendo per far esplodere il loro contenitore. Č successo a un lettore mentre stava ricaricando la sua e-bike Flyer.

Per il produttore di queste bici, Biketec di Huttwil (Berna), si tratta di casi rarissimi, dovuti a varie circostanze anomale che si sono presentate contemporaneamente.

Una possibile causa dell'esplosione potrebbe essere un fattore esterno, dice Rolf Widmer, esperto in batterie ricaricabili dell'Istituto Empa di San Gallo. Come la caduta della pila per terra.

Anche i ricaricatori difettosi possono far scoppiare le batterie agli ioni di litio. Widmer raccomanda di tenerle all'asciutto e al fresco.

Flyer consiglia di conservare le batterie non usate per periodi prolungati con una carica del 30-60 percento e di evitare di aprirle o di aggiustarle da soli. Inoltre, la batteria piena va staccata dal caricatore.

rg, ms




tiny.cc/Adac-statistica

Impressum Design by VirtusWeb