HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2007 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2007 novembre | pagina 11

Spennati con le vacanze gratis
Occhio alle "premiazioni" con bibite gratuite. Rischiate di perdere i vostri soldi

Vi fanno credere che avete vinto una vacanza e durante la premiazione vi offrono da bere. Chi ci casca rischia di perdere migliaia di franchi.

Tutto comincia con un premio. Uno sconosciuto vi contatta per dirvi che "avete vinto": per esempio una vacanza. Basta recarsi in un albergo di lusso, dove in un clima di festa vi viene offerto un rinfresco.

Nelle bibite, avverte un'associazione germanica per la tutela dei consumatori, possono essere nascosti psicofarmaci per indebolire le difese dei clienti. Chi beve rimane intontito e firma contratti capestro da 20 o 30 mila franchi per l'acquisto di "multivacanze", o "multiproprietà". Ma anche per chi resta a bocca asciutta non è facile sfuggire agli argomenti di abili venditori. «Mi hanno fatto il lavaggio del cervello e ho firmato il contratto» si lamenta Lucia, una delle vittime. Di una cosa è certa: «Le vacanze gratuite sono un bidone!». Per riscuotere il "premio", in realtà, Lucia avrebbe dovuto spendere dei soldi.

In Spagna c'è un rischio elevato di essere abbindolati. Nell'Unione europea ora il consumatore ha il diritto di revocare il contratto. Di regola, però, i soldi già versati sono persi per sempre.

La multiproprietà (o time-sharing) prevede il diritto di usare a vita un appartamento per una o due settimane all'anno. Stando alla pubblicità, si diventa «proprietari di una settimana di vacanza in tutto il mondo per tutta la vita». In realtà non si diventa affatto proprietari. Semplicemente si paga in anticipo una parte dell'affitto. Oltre al volo è infatti necessario pagare elevate spese accessorie.

Quando si accorgono di essere stati bidonati, molti tentano di rivendere la multiproprietà. C'è addirittura chi chiede soldi spacciandosi per intermediario, e sparisce dopo aver incassato l'acconto.

Un mercato delle occasioni serie non esiste. Un normale pacchetto "volo e albergo" costa meno delle "multivacanze".

Vi hanno venduto un appartamento in multiproprietà con il trucco delle vacanze gratis? Scrivete a lettori@inchiesta.ch

Impressum Design by VirtusWeb