HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2007 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2007 novembre | pagina 28

Scarpe rotte a Coira e sostituite a Lugano
In tutte le filiali delle grandi catene di negozi si può restituire la merce difettosa

Se si acquista in un grande magazzino un prodotto che poi si dimostra difettoso, si può chiedere la sostituzione anche nelle filiali.

Durante le vacanze nei Grigioni, il signor Rossi acquista un paio di scarpe da escursione alla Manor. Il giorno del rientro si accorge che si stanno staccando le suole. Non fa però in tempo a portarle nel negozio dove le ha acquistate.

Secondo la legge, il signor Rossi può riportare le scarpe in un'altra filiale Manor. A una condizione: deve rispettare le clausole della garanzia.

Il contratto di compravendita, infatti, è stipulato con l’azienda, non con una specifica filiale. Una procedura confermata da Coop, Fust, Manor, Media Markt e Migros: i clienti possono dunque far valere i loro diritti in tutte le filiali.

I singoli diritti dei clienti dipendono dal contratto d’acquisto stipulato; se non prevede altro, fa stato la legge. Questa stabilisce che in casi di difetti gravi la merce può essere sostituita o resa con la restituzione del prezzo, mentre in caso di difetti lievi è possibile ottenere una riduzione del prezzo.

La legge non prevede la riparazione della merce difettosa. Bisogna dunque accettarla solo se il contratto stipulato prevede che in caso di difetto la merce è solamente riparata.

Simone Thür
Michela Salvi

Impressum Design by VirtusWeb