HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2007 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2007 dicembre | pagina 10

Tutti registi col video editing
Come usare i programmi per montare i filmati

Per montare un filmato non è necessario essere registi esperti. Esistono infatti programmi economici, facili da usare.

Avete filmato le vostre vacanze? Ripreso un memorabile scherzo ai vostri colleghi, capo incluso? Con un software speciale potete montare voi stessi, al computer, i vostri piccoli capolavori cinematografici. La rivista per i consumatori Saldo ha testato quattro programmi compatibili con Windows (ma non con Mac).

Chi cerca in internet software gratuiti per montare i propri filmati trova facilmente Free Dv, di Avid. Si tratta della versione gratuita di un programma professionale. Il suo utilizzo è relativamente complesso e inadatto per i principianti.

La maggior parte dei programmi di montaggio video funziona così: prima si caricano le sequenze, poi le si adatta alla lunghezza idonea. Con il mouse le si inserisce quindi in un cosiddetto storyboard o in una timeline (sequenza temporale), dove ogni scena è rappresentata graficamente e può essere disposta nell’ordine desiderato.

In questa fase si possono aggiungere dissolvenze o una nuova colonna sonora. Alla fine, il programma converte il film così ottenuto in un nuovo file, che può essere masterizzato su un dvd.

Tutti i software testati seguono questo stesso schema di montaggio.


Windows Movie Maker

È installato in origine su ogni computer che utilizza il sistema operativo Windows XP.
- Particolarità: quasi tutto ciò che può fare si vede a colpo d’occhio: in mezzo ci sono le sequenze del film, a destra il monitor per guardarle e montarle, e, sotto, il righello dello storyboard.
- Uso: la gamma di effetti video e transizioni è molto ampia. Con pochi click del mouse si possono inserire o togliere sequenze, oppure disporle in una posizione diversa all’interno dello storyboard.
- Possibilità di elaborazione: scarse. Gli effetti sono prestabiliti e non possono essere adattati ai propri gusti personali. Chi desidera aggiungere una colonna sonora al filmato arriva presto al limite: le possibilità di regolazione sono solo: “Volume”, “Aggiungere”, “Togliere” e “Audio off”.
- Funzioni avanzate: con l’opzione “Salvare file del film” si può scegliere se si vuole riversare il film finito in una videocamera, copiarlo su cd, metterlo in internet o salvarlo sull’hard disk. Con Movie Maker non è possibile produrre direttamente un dvd. Per farlo, il film deve essere prima salvato sull’hard disk in un formato che ne garantisca la massima qualità, ed essere poi masterizzato con un programma specifico.
- Risultato: È adatto a chi vuole montare i propri filmati in modo veloce e semplice.


Ulead Video Studio Plus 11

Questo software è disponibile nei negozi specializzati a partire da fr. 110.-. Per provarlo, si può scaricare da www.ulead.de o da www.corel.com una versione demo valida per 30 giorni.
- Particolarità: i simboli chiari aiutano a cavarsela velocemente. Grazie al righello superiore del menu, si può scegliere senza difficoltà tra funzioni come “Registrare” o “Elaborare”.
- Uso: dopo un po’ di pratica, non crea grandi difficoltà. Aggiungere effetti speciali alla scena desiderata è semplice. Sono però disponibili solo due colonne sonore.
- Possibilità di elaborazione: le icone per la selezione di effetti di transizione, effetti speciali o correzioni di colore aiutano i meno esperti ad ottenere rapidamente buoni risultati. Gli utenti più abili possono inoltre adattare in modo mirato alcune delle regolazioni previste.
- Funzioni avanzate: molto varie. Il filmato può essere prodotto in diversi formati, anche in qualità Hdv. Se si clicca su “Creare disco” è possibile masterizzare un dvd con tanto di menu.
- Risultato: i principianti dovrebbero cavarsela in fretta con Video Studio. Per gli utenti più esperti, le possibilità di elaborazione sono molteplici.


Magix Video Deluxe

Magix Video Deluxe (circa fr. 70.-) è un software per principianti.
- Particolarità: sono disponibili più funzioni di Video Studio Plus, ma l’utilizzazione è altrettanto semplice. La scelta degli effetti, delle dissolvenze e dei titoli è più ristretta, ma, in cambio, è presentata in una maniera più chiara.
Uso: molto adatto ai principianti. Le singole sequenze possono essere comodamente disposte su 16 colonne.
- Possibilità di elaborazione: per quanto riguarda gli effetti video, le possibilità di regolazione sono piuttosto limitate. In compenso, questo software è molto versatile per quanto riguarda l’audio: una vasta gamma di regolazioni aiuta a rendere accettabile anche un suono scadente.
- Funzioni avanzate: anche con Video Deluxe si può creare facilmente un dvd dotato di menu. Per masterizzare i film ad alta definizione si deve acquistare la costosa versione Plus del programma.
- Risultato: pur avendo un prezzo molto competitivo, il programma offre sorprendentemente molti effetti speciali. Inoltre, è stato concepito in modo da risultare particolarmente facile da usare.


Adobe Premiere Elements 3.0

Questa versione semplificata del noto programma di video editing per professionisti è ottenibile nei negozi specializzati a circa fr. 120.-.
- Particolarità: la disposizione degli strumenti di lavoro è simile a quella degli altri programmi. Per un principiante, le funzioni non sono ben comprensibili a prima vista.
Uso: acquisita un po’ di familiarità con la schermata di lavoro, l’utilizzo poi è semplice e rapido. Con un semplice click del mouse, è possibile selezionare sia gli effetti sia le dissolvenze, oppure si possono impostare ulteriori elaborazioni per correggere i colori oppure per regolare il contrasto dell’immagine.
- Possibilità di elaborazione: sotto questo aspetto, Premiere Elements si differenzia nettamente dagli altri programmi presi in esame. Tutte le operazioni di montaggio delle immagini possono essere svolte in modo molto semplice anche da chi non se ne intende. Per i professionisti è inoltre possibile regolare individualmente quasi tutto.
- Funzioni avanzate: il filmato finito può essere registrato sull’hard disk in diversi formati o masterizzato su dvd senza alcuna difficoltà. Anche qui ci sono numerose possibilità di regolazione.
- Risultato: è un programma ideale per i videoamatori esperti. Le vaste possibilità di elaborazione permettono di montare i filmati dando libero sfogo alla propria creatività.

Marc Mair-Noak
Traduzione a cura di studioidea@bluewin.ch


Gli utenti Macintosh possono usare il programma iMovie incluso nel sistema operativo (gratis all’acquisto del computer).
www.apple.com/it/ilife/imovie



Consigli - Evitate troppi effetti speciali

- Commento audio in presa diretta: una voce in sottofondo che informa e descrive può essere utile, ma va aggiunta solo in un secondo momento. In questo modo si evitano problemi in fase di montaggio, si migliora la comprensibilità del parlato e si ottiene un risultato complessivo molto più professionale.
- Sequenze troppo brevi o troppo lunghe: una rapida successione di sequenze brevi è faticosa da seguire, mentre le sequenze troppo lunghe risultano monotone. Al momento del montaggio bisogna quindi impostare un giusto mix di lunghezze. Regola importante: se il contenuto di una sequenza è relativamente statico, la sua durata non dovrebbe superare i sette secondi.
- Troppi effetti speciali: molti programmi di video editing offrono numerosi effetti spettacolari. Per un principiante, la tentazione di utilizzare effetti con immagini che rotolano, si dispiegano o cambiano colore è grande. Gli effetti speciali vanno invece utilizzati con parsimonia, altrimenti il film avrà un aspetto eccessivamente dilettantesco.

Impressum Design by VirtusWeb