HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2007 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2007 dicembre | pagina 25

Con il disco tra i denti
Le società di hockey non risarciscono i danni se non si rispettano le misure di sicurezza

Uno spettatore elude le misure di sicurezza ed è colpito al volto. In questo caso la società non è responsabile.

Marco Bianchi (nome di fantasia) era tra gli spettatori di una partita di hockey su ghiaccio. Lo speaker aveva ripetuto più volte con l’altoparlante di non sostare vicino alla panchina dei giocatori. Bianchi ha però continuato a seguire la partita da quella posizione, fino a che un disco lo ha colpito al volto, causando la perdita di molti denti. Bianchi ha chiesto il risarcimento dei danni al club di hockey, ottenendo però una risposta negativa.

In questo caso il club di hockey su ghiaccio non ha responsabilità: è lo spettatore ad aver ignorato gli avvertimenti degli organizzatori della partita. Le spese dentistiche sono state pagate dall’assicurazione infortuni obbligatoria di Bianchi.

La società avrebbe dovuto rispondere dell’infortunio se lo spettatore fosse stato colpito dal disco mentre incitava la sua squadra dalla tribuna. In questo caso, infatti, l’organizzatore e il proprietario dello stadio sono responsabili per la sicurezza degli spettatori.

Gli stadi di hockey su ghiaccio devono rispondere alle esigenze tecniche attuali anche per quanto riguarda la protezione degli spettatori. Il club e il proprietario dello stadio devono applicare le adeguate misure preventive, affinché in tribuna sia garantita la sicurezza dei tifosi.

Beatrice Fischer
Gianna Bontagnoli

Impressum Design by VirtusWeb