HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2007 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2007 dicembre | pagina 29

Il mappamondo - Carte di credito nel mirino
Alcuni consigli per non farsele clonare

Le contraffazioni, alterazioni o duplicazioni delle carte magnetiche sono in netto aumento in tutto il mondo. Uno degli strumenti più utilizzati per la clonazione è lo Skimmer: è un lettore che cattura e incamera i dati della banda magnetica presente nella tessera. La lettura avviene tramite la classica “strisciata” della carta nel dispositivo, che non ha una forma standard. Esso infatti può essere grande come un pacchetto di sigarette, con semplice alimentazione a batteria, oppure di dimensioni maggiori con alimentazione a presa elettrica.

Attraverso un memoria, detta “eprom”, può assimilare i dati di decine di bande magnetiche. Lo skimmer viene poi collegato a un computer e un programma di elaborazione di bande magnetiche che estrapola i dati incamerati nell’apparecchio e li trasferisce in un’altra carta di credito o bancomat. Per appropriarsi invece del codice pin, che in nessun modo può essere ricavato dalla banda magnetica, in genere i truffatori utilizzano delle microtelecamere. Per l’attuazione di una frode con lo skimmer è necessario che il truffatore entri in possesso, almeno per qualche istante, della tessera.

Gli altri mezzi di clonazione, meno utilizzati rispetto al primo, sono Trashing, Sniffing, Boxing.
- Trashing: i truffatori usano gli scontrini delle carte di credito che gli acquirenti gettano dopo l’acquisto per copiarne i dati.
- Sniffing: è la truffa con le transazioni fatte in internet. I pirati informatici intercettano le coordinate di pagamento. Quando si fa un acquisto online, in basso a destra ci deve sempre essere un “lucchettino” giallo o deve essere attivo un sistema di protezione dei dati.
- Boxing: è l’intercettazione postale della carta di credito nel momento in cui essa viene inviata al consumatore o alla banca.

Ecco alcuni suggerimenti per evitare la clonazione.

Al bancomat osservate la tastiera dello sportello: le microtelecamere possono essere posizionate nel bordo orizzontale o verticale. Fate attenzione allo spessore della tastiera: i truffatori posizionano tastiere fasulle sopra a quella originale per carpire il pin. Verificate la fessura di introduzione della tessera: se sembra non fissa o solida significa che potrebbe essere stato posizionato uno “skimmer”. Digitate sempre il codice pin nascondendo con l’altra mano l’operazione in corso.

Un consiglio per la carta di credito: non perdetela mai di vista. Se il commerciante vi dice di non avere l’apparecchio vicino, accompagnatelo, ma non lasciate la carta.
Non comunicate mai i dati della propria carta di credito o i propri codici personali via e-mail.

Quando ci si rende conto di essere stati truffati, si deve denunciare subito alle forze dell’ordine l’accaduto, ovunque voi siate, senza attendere di rientrare in Svizzera. In questo modo potete essere rimborsati.

Avv. Melania Zanetti

Impressum Design by VirtusWeb