HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2008 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2008 novembre | pagina 4

Lo shop online del pressappoco
Diversi clienti di Microspot sono incappati in descrizioni di articoli non corrispondenti alla merce ordinata.

«È proprio quello che cercavo! Lo ordino subito!», aveva esclamato Petra vedendo il portatile dei suoi sogni su microspot.ch. Ma al momento di collegare l'apparecchio è rimasta di sasso: la tastiera era spagnola.

Ci si può fidare solo parzialmente delle descrizioni del venditore online di articoli per l'elettronica Microspot.

Per esempio, un altro cliente si è visto recapitare un minicomputer con sistema operativo in francese.

Una cliente aveva comandato un disco fisso, ma sul modello fornito mancava la porta descritta nella designazione del prodotto.

Inizialmente, Microspot si era rifiutata in tutti e tre i casi di sostituire o riprendere la merce. I clienti hanno dovuto insistere.

Secondo Microspot, il portatile con tastiera spagnola è stato nel frattempo adattato a spese della ditta. Il secondo cliente ha riconsegnato il suo computer dopo l'intervento della sua assicurazione di protezione giuridica. Sul terzo caso, Microspot scrive che si è trattato di un malinteso nello scambio di e-mail. Una volta chiarito l'equivoco, la sostituzione sarebbe stata accettata.

Microspot ribadisce che adotterà un atteggiamento favorevole ai clienti. La merce ordinata sarebbe ripresa qualora la descrizione dell'articolo fosse stata erronea. Ma si tratta poi solo di rispettare la legge: se i prodotti ordinati non corrispondono alle descrizioni, i venditori devono riprendersi la merce.

Altri dimostrano che si può fare diversamente. Ad esempio, conrad.ch e weltbild.ch offrono una dilazione grazie alla quale presso Conrad il contratto d'acquisto diventa valido solo otto giorni dopo la fornitura. Da Weltbild, il termine di restituzione concesso è di 14 giorni.

Il nostro consiglio: prima di acquistare merce in un negozio online, confrontate le descrizioni del prodotto con quelle di un altro offerente o del produttore.

Andreas Schildknecht, Saldo
Michela Salvi

Impressum Design by VirtusWeb