HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2008 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2008 novembre | pagina 10

Reti Wlan aperte a tutti
Chiunque può accedere alle reti non protette mettendo nei guai il detentore. Il pericolo aumenta con iPhone & Co. Proteggersi non costa nulla.

I telefonini si collegano automaticamente a una rete Wlan aperta a disposizione di chiunque nel raggio di 50 metri.

In questo modo, chiunque può abusarne, a spese del proprietario che lascia la sua rete non protetta, connettendosi alla rete andando anche su siti dubbi. E il proprietario della rete può essere accusato.

Con iPhone e altri cellulari con accesso Wlan aumenta il rischio di ospiti indesiderati sulla propria rete privata. Questi apparecchi, chiamati "smartphone", si collegano automaticamente a un accesso non protetto. Inoltre sono sempre accesi e a disposizione.

Consigli
- Cambiate la password standard: accedete alla configurazione della maggior parte delle stazioni di base da un browser internet. Nel campo dell'indirizzo, inserite l'indirizzo IP della stazione base. Normalmente è sempre la stessa: http://192.168.1.1 e si trova nel manuale allegato. Per procedere serve una password (vedi manuale). Di regola è "0000" o "admin". Questa è da cambiare immediatamente, possibilmente in una combinazione di lettere, cifre e segni.
- Modificate il nome della rete: le stazioni base hanno un nome di rete standard (Ssid). Questo va modificato nelle "Impostazioni rete Wlan" in maniera che non sia possibile risalire al detentore della rete.
- Attivate la codificazione: sotto le impostazioni di sicurezza scegliete una codificazione Wpa2 (livello di protezione più alto possibile). In modelli più vecchi si chiama Wep, ma non risulta più sicuro. Scegliete come password una combinazione di cifre, segni e lettere minuscole e maiuscole.
- Proteggete il nome della rete: ogni utente della propria rete Wlan deve conoscerne il nome. La visualizzazione automatica della Ssid può essere impedita con l'opzione "Hide Ssid". Negli altri apparecchi, il "Broadcast Ssid" è da impostare su "No".

Darko Cetojevic
Tanja Monti

Impressum Design by VirtusWeb