HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2008 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2008 novembre | pagina 20

Sempre in ri... carica
Gli alimentatori universali sostituiscono i diversi modelli che accompagnano molti apparecchi elettrici

Un caricatore per diversi apparecchi è molto pratico. Ma alcuni modelli hanno lacune da non sottovalutare. Ad esempio, possono far risparmiare molta meno energia di quella promessa.

Larissa ricarica il suo iPod, Fabio il telefonino, la loro mamma la macchina fotografica e il papà il navigatore satellitare. Tutti usano lo stesso caricatore. Possibile? Sì.

Ora non serve più averne uno per ogni apparecchio. Basta quello universale, che fornisce l'elettricità tramite cavo Usb.
La capacità di questi alimentatori portatili basta per due fino a quattro ricariche di telefonini (vedi tabella nella versione cartacea). Lo svantaggio è che ci vogliono diverse ore prima che l'apparecchio sia completamente ricaricato.

Rolf Zinniker, esperto in batterie del politecnico di Zurigo, ha testato per la rivista K-Tipp funzionamento, capacità e modo di ricarica di sei alimentatori universali.


Capacità inferiore a quanto dichiarato

I modelli delle marche Swissbatteries, Apc e Dis ottengono risultati deludenti: la loro capacità è risultata inferiore alle indicazioni scritte sulle confezioni. Per quanto riguarda Swisscharger M2, persino di un terzo.

Il modello Charger Mate ha fornito fin dall'inizio della ricarica una tensione così elevata da spegnere all'istante alcuni apparecchi senza che questi potessero essere ricaricati.

Anche Proporta non convince: possiede la capacità di ricarica più grande, non dispone però di alcun trasformatore di tensione. In questo modo, a dipendenza della situazione, l'apparecchio collegato può essere caricato solo a metà.

Il primo caricatore Apc utilizzato nel test non ha funzionato, ma il motivo resta un mistero. L'apparecchio di sostituzione non ha invece avuto problemi.


Il cavo Usb facilita il compito

La maggior parte dei caricatori universali è accompagnata da un cavo Usb. Questo fa in modo che vari apparecchi (telefonino, macchina fotografica, lettore mp3 e navigatore) possano essere ricaricati direttamente dalla presa.

Tra l'altro, per poterli utilizzare all'estero occorre soltanto un adattatore internazionale.

Usb Charter e Swisscharger funzionano sia con la ricarica sia con normali batterie.

Tuttavia, Swisscharger è dotato soltanto di due batterie, invece delle quattro che devono essere utilizzate con Usb Charger. Questo ha un'influenza negativa per quanto riguarda la capacità.

Christian Birmele
Romina Artale



Buono a sapersi

A volte serve l'adattatore
- L'adattatore
Prima dell'acquisto verificate che l'accumulatore universale desiderato corrisponda all'apparecchio. Collegate il vostro apparecchio via Usb al computer acceso. Qualora non funzionasse, occorre un adattatore. Gli apparecchi Proporta, Swissbatteries e Varta sono dotati di adattatori.

- Deposito
Il relativo trasformatore di tensione utilizza sempre la corrente. Quando l'accumulatore universale non è in uso dev'essere spento.

Impressum Design by VirtusWeb