HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
Spendere Meglio
Edizione: 6/2008 dicembre

Nome: Spendere Meglio
Nato il: 7 febbraio 1996
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 20 dei mesi pari


Abbonati a Spendere Meglio
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
Spendere Meglio su iPhone

Torna indietro
6/2008 dicembre | pagina 9

Carte telefoniche che t’incartano
False tariffe molto basse per le prepagate

Le carte telefoniche non costano poco come vuole far credere la pubblicità.

La rivista per i consumatori K-Tipp ha testato cinque carte telefoniche internazionali: Bee-One, Discount Call, Flash, Phone-Card e Teleline. Promettono tutte telefonate verso l’estero per pochi centesimi al minuto. Ma la realtà è diversa.

Le chiamate verso il Brasile, ad esempio, con Flash dovrebbero costare solo 5,5 centesimi al minuto. A confronto, la tariffa normale di Swisscom ammonta a oltre dieci volte tanto.

La maggior parte di queste carte è in vendita nei chioschi, alla Posta e nelle stazioni di servizio al prezzo di 10 o 20 franchi. Il costo corrisponde al credito di conversazione.

Funziona così: si chiama il numero gratuito stampato sulla carta, si immette il codice Pin e si digita il contatto desiderato. Il credito disponibile e la tariffa al minuto sono comunicate da una voce automatica, poi si può telefonare.

Ma non funziona sempre così: presso molti fornitori, le indicazioni del credito non corrispondono. Eccetto Bee-One, tutte le altre presentano grandi differenze rispetto alle tariffe pubblicizzate. L’esempio più estremo: con una carta Flash si dovrebbe poter telefonare verso il Brasile per oltre sei ore. Dopo mezz’ora, però, il tempo rimanente sulla carta ammonta a un terzo di quello promesso all’acquisto.


Tasse extra non specificate

Questo accade perché i costi effettivi spesso non sono menzionati, e cambiano continuamente. Così vi sono fornitori che, ad esempio, conteggiano tasse di attivazione e di disattivazione, costi forfettari di collegamento o, addirittura, una tassa giornaliera fissa, che si telefoni o no.

Inoltre, a dipendenza del paese, fanno stato prezzi al minuto variabili, e certe carte scadono dopo un breve periodo. Chi vuole reclamare tenta, di solito invano, di raggiungere una hotline.

In conclusione, l’unico vantaggio delle carte telefoniche è il prezzo al minuto molto basso. Incluse le tasse aggiuntive, per il Brasile si situa tra 6,8 (Teleline) e 24 centesimi (Flash).

Christian Birmele, K-Tipp
Michela Salvi

Impressum Design by VirtusWeb