HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2010 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2010 novembre | pagina 2

Nel buco di Eurojobs
Dietro i salari non pagati c'è l'ex capo dei collocatori ticinesi

Non ha pagato i salari ed è fallita, sommersa dai debiti. Tra i dirigenti dell'agenzia di lavoro temporaneo Eurojobs c'è l'ex capo degli uffici di collocamento ticinesi.

Nel dipartimento delle finanze, ai tempi in cui era diretto da Marina Masoni, era il capo degli uffici regionali di collocamento. Oggi Carlo Martines è coinvolto nel fallimento dell'agenzia di lavoro temporaneo Eurojobs.

Il gruppo era basato a Zurigo, dove è tuttora pendente una causa di quasi 3 milioni di franchi, inclusi i salari non versati a un imprecisato numero di lavoratori prestati. Tanto imprecisati che anche la Sezione del lavoro del canton Ticino li sta cercando (finora senza successo) per conoscere le loro «pretese salariali insoddisfatte».

Martines ha ricoperto vari ruoli ad Eurojobs: delegato a Zurigo del consiglio di amministrazione (cda) per quasi due anni e fino al giugno 2009, un mese prima del fallimento deciso dal Tribunale distrettuale di Zurigo; responsabile dell'ex succursale Eurojobs di Lugano (dal 2007 al 2008) e direttore fino all'aprile scorso, sempre a Lugano, della Eurojobs The Personnel Company Management, liquidata quest'estate.

Interpellato da L'Inchiesta, Martines ha detto che si tratta di vicende diverse, nonostante il suo nome figuri in tutte le società fallite. Per la Eurojobs The Personnel Company Management, Martines sarebbe una start-up partita male con qualche decina di lavoratori prestati: poi è bastato che un grosso cliente non pagasse per arrivare alla liquidazione.

Sull'insolvenza milionaria a Zurigo, Martines ha detto di non conoscerne i dettagli, anche se era delegato del cda. Poche spiegazioni da chi oggi ha davvero poco interesse a parlare di sue società fallite: da alcuni anni Martines rappresenta infatti oltre cento dirigenti d'azienda in Ticino presso l'Associazione svizzera dei quadri.

Marco Jeitziner

Impressum Design by VirtusWeb