HomeDomandeNewsletterAbbonamentiArretratiLibriCarrelloContatto Accedi

Cerca gli articoli con queste parole:
Criteri
Posizione
Riviste
Periodo
Nessun oggetto nel carrello
L'Inchiesta
Edizione: 6/2010 novembre

Nome: L'Inchiesta
Nato il: 17 novembre 1999
Abbonamento: fr. 48.00 all'anno
Uscita: entro il 10 dei mesi dispari


Abbonati a L'Inchiesta
Acquista gli arretrati
Acquista i libri
L'inchiesta su iPad e iPhone

Torna indietro
6/2010 novembre | pagina 7

Panne a ruota libera
Il rinnovo del contratto per l'assicurazione Assistance ora è automatico

Migros Assistance ha cambiato il metodo di rinnovo dell'assicurazione in caso di panne in auto adeguandosi alla concorrenza. Ata mantiene invece un sistema più conciliante.

Molte assicurazioni si rinnovano automaticamente. Nel caso in cui l'affiliato non dia la disdetta, la polizza rimane in vigore anche per l'anno successivo. Chi vuole disdire l'assicurazione deve pensarci per tempo: di solito bisogna considerare un termine di tre mesi.

Per l'assistenza stradale di Migros, chiamata Assistance, fino ad ora non era così. Gli assicurati potevano pagare o non pagare il premio. In altre parole, all'arrivo della fattura potevano decidere se rimanere assicurati presso Assistance oppure no.

Quando questa soluzione è stata lanciata, nel settembre del 2007, si era pensato che fosse a favore del cliente, come dice Migros. È però importante che il cliente ne sia informato per tempo, per esempio ricevendo una nuova fattura.

Daniele, ad esempio, afferma di non aver ricevuto da Migros una fattura per il rinnovo della polizza. Al momento della panne, a inizio 2010, non era quindi più in vigore.

Migros non ha risarcito l'assicurato. «Su desiderio di più clienti» Migros ha cambiato le condizioni. Ora è valido il rinnovo tacito con un termine di disdetta di tre mesi.

Ata mantiene il suo sistema
Così facendo, Migros si adatta alla concorrenza. Infatti l'affiliazione al Tcs (compresa l'assistenza stradale in Svizzera) o all'Acs si rinnova automaticamente se il cliente non dà la disdetta con tre mesi di anticipo.

Presso l'Associazione auto e ambiente (Ata) non è così: chi non desidera più l'assistenza stradale può ignorare la fattura di fine anno. Ma cosa accade se qualcuno non riceve la fattura o la perde e si trova all'improvviso senza l'assicurazione? «In casi simili andiamo incontro al cliente». Ata si è sempre presa carico dei costi se l'assicurato ha pagato il premio subito dopo.

Ernst Meierhofer, K-Tipp
Silvia Job

Impressum Design by VirtusWeb